8ª giornata di Serie A: le partite

L’ottava giornata di Serie A si apre con l’anticipo di sabato alle 15:00 tra Napoli e Torino e si chiude lunedì sera alle 20:45 con la gara tra Hellas Verona e Udinese.

8ª giornata di Serie A: le partite.

Napoli-Torino 3-1: il Napoli di Spalletti gioca in casa, allo stadio Maradona, contro il Torino di Juric, che si fa espellere al 73’. I padroni di casa passano in vantaggio al sesto minuto con Zambo Anguissa che insacca di testa sul cross di Mario Rui. Il centrocampista azzurro raddoppia al dodicesimo dopo un triangolo con Politano, che lo lancia da solo davanti al portiere e lo batte con un rasoterra sul primo palo. Il Napoli segna anche il gol del 3-0 al minuto numero trentasette con il solito Kvaratskhelia che insacca sul lancio di prima di Zielinski. Il Torino accorcia le distanze al quarantatreesimo minuto con Sanabria che approfitta dell’errore di Mario Rui che non riesce a spazzare sul cross di Lazaro e calcia ad incrociare battendo Meret. Il Napoli conquista un’altra vittoria e sale in testa alla classifica a quota 20 punti.

Empoli-Milan 1-3: il Milan va in trasferta ad Empoli e la squadra di Zanetti prova a tenere testa ai rossoneri. La partita si decide tutta negli ultimi minuti: il Milan passa in vantaggio al settantanovesimo minuto con Ante Rebic, subentrato a Giroud, che approfitta di un passaggio di Leao, liberatosi in area su una rimessa lunga, per insaccare. L’Empoli non ci sta e al novantaduesimo pareggia con una punizione perfetta dello specialista Bajrami che mette la sfera sotto al sette. Due minuti dopo il Milan passa in vantaggio con Fodé Ballo-Touré che di piattone sigla il suo primo gol in rossonero dopo una sponda di Krunic. Il Milan chiude la partita al novantasettesimo con Leao che viene lanciato in contropiede da Rebic e supera Vicario con un bel pallonetto.

Lazio-Spezia 4-0: la Lazio vince all’Olimpico contro lo Spezia di Gotti. La squadra di Sarri ha l’occasione di andare in vantaggio al terzo minuto con Immobile, che però sbaglia il rigore, ma apre comunque la partita al dodicesimo grazie al gol di Zaccagni che strappa per metà campo, serve Felipe Anderson, il quale crossa nuovamente per il numero 20 che deve solo appoggiare in porta di punta. I biancocelesti raddoppiano al ventiquattresimo minuto con Romagnoli: il difensore ex Milan si trova il pallone al limite dell’area, dopo che la difesa spezzina non è riuscita a spazzare, e colpisce in girata al volo di sinistro trovando un gran gol. Al sessantunesimo minuto arriva anche il 3-0 con Milinkovic-Savic che insacca sull’appoggio di Zaccagni, dopo che Immobile aveva saltato il portiere. Il centrocampista serbo trova anche il 4-0 e la doppietta personale al novantunesimo minuto con uno scavetto dopo aver chiuso un uno-due con Hysaj. Lazio che sale a quota 17 punti, mentre lo Spezia resta a quota 8.

Sassuolo-Salernitana 5-0: il Sassuolo vince in casa contro la Salernitana con un’ottima prestazione. I padroni di casa passano in vantaggio al dodicesimo con Laurentié che viene pescato in profondità dal lancio di Thorstvedt e batte Sepe con il destro. Al trentanovesimo arriva il raddoppio con Pinamonti che trasforma un calcio di rigore. I neroverdi triplicano con Rhorstvedt: palla di Lopez per Alvarez che serve il centrocampista in corsa e di sinistro non lascia scampo a Sepe. I padroni di casa siglano anche il quarto gol al minuto numero settantasei con Harroui: Laurentié serve un gran pallone al centrocampista marocchino lasciato solo davanti al portiere della Salernitana e lo trafigge con un destro all’incrocio. Al novantaduesimo arriva la manita del Sassuolo: Antiste sigla il suo primo gol in Serie A dopo aver raccolto una respinta sul tiro di Alvarez.

Sampdoria-Monza 0-3: seconda vittoria di fila per il Monza di Palladino che batte la Sampdoria e fa esonerare Giampaolo. All’undicesimo gli ospiti passano in vantaggio con Pessina che raccoglie una sponda di testa di Ciurria sul traversone di Sensi e insacca da pochi passi. Al sessantasettesimo arriva il raddoppio del Monza con Caprari: l’ex Samp calcia al volo di destro dopo il tocco di Colley sul cross di Ciurria e infila Audero. Al novantacinquesimo c’è spazio anche per il definitivo 0-3 da parte di Sensi che, sul suggerimento di Birindelli, trafigge il portiere blucerchiato con un tiro angolato dal limite dell’area.

Lecce-Cremonese 1-1: allo stadio Via del Mare finisce in pareggio lo scontro diretto per la salvezza tra il Lecce padrone di casa e gli ospiti cremonesi. Entrambi i gol derivano da due calci di rigore: la Cremonese passa in vantaggio al diciannovesimo con il rigore di Ciofani e al minuto quarantadue risponde Strefezza per il Lecce.

Atalanta-Fiorentina 1-0: l’Atalanta di Gasperini vince ancora, stavolta contro la Fiorentina di Italiano. La dea vince con la rete di Lookman: Muriel riceve la rimessa laterale di Koopmeiners, salta un paio di uomini danzando sulla linea di fondo e scarica in mezzo per l’ex Leicester che deve solo spingere in porta il gol della vittoria.

Juventus-Bologna 3-0: la Juventus ritrova la vittoria segnando tre reti alla squadra di Thiago Motta e scaccia momentaneamente gli incubi. I bianconeri trovano il vantaggio al ventiquattresimo minuto grazie a Filip Kostic, che raccoglie il passaggio di Vlahovic e mette dentro con il mancino. Lo stesso Vlahovic raddoppia al cinquantanovesimo grazie a un colpo di testa sul bel cross di McKennie. I padroni di casa chiudono la partita al minuto sessantadue con un gran gol di Milik che segna al volo con il sinistro dopo l’assist estemporaneo di Cuadrado, per il definitivo 3-0.

Hellas Verona-Udinese 1-2: l’Udinese vince ancora e stavolta lo fa in casa del Verona. I padroni di casa vanno in vantaggio al ventitreesimo con un gran gol di mancino di Doig: l’esterno calcia al volo su un cross respinto male dalla difesa friulana e trova l’angolino. L’Udinese è però coriaceo trova il pareggio al settantesimo con Beto: l’attaccante infila Montipò con un rasoterra di destro dopo aver raccolto il suggerimento morbido di Deulofeu. Al minuto novantatre la squadra di Sottil la vince con una rete di Bijol che di testa insacca sul cross di Samardzic. L’Udinese sale al terzo posto a 19 punti, mentre l’Hellas resta fermo a quota 5.8ª giornata di Serie A: le partite

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...