Rogoredo, anziano rapinato, in manette dopo 12 ore responsabile

389

Anziana rapinato in un ascensore, mentre era diretto al piano binari della Stazione di Rogoredo. È accaduto lunedì 10 dicembre. Dodici ore dopo la Polfer ha arrestato il responsabile. Prima che le porte si potessero chiudere, una donna ha ostacolato la chiusura delle stesse e un uomo con carnagione olivastra è entrato all’interno. L’anziano si è ritrovato da solo con l’uomo in questione che, bloccandolo con forza, ha rovistato nelle tasche della giacca, del pantalone e nella borsa che aveva a tracolla. L’aggressore si è poi dato alla fuga e l’anziano uomo si è immediatamente accorto dell’ammanco del portafoglio. La vittima ha dato l’allarme al personale di FS presente al binario che ha avvertito la Sala Operativa Polfer. I controlli immediati hanno dato esito negativo ma, visionando i filmati, gli Agenti hanno potuto constatare la dinamica del fatto e soprattutto le fattezze dell’aggressore. Poco meno di 12 ore dopo, una pattuglia impegnata nel servizio di controllo della Stazione, ha notato nel buio che un uomo di colore cambiava il berretto alla vista degli operatori. Insospettiti dal gesto, si sono avvicinati per un controllo. Il cittadino, poi rivelatosi un 38enne irregolare originario della Tunisia, non solo ha aggredito i poliziotti sia verbalmente che fisicamente opponendosi al controllo ma, ancora vestito con gli stessi abiti della mattina, lo hanno identificato come probabile autore della rapina in argomento. Condotto presso gli Uffici della Polfer di Rogoredo, è stato sottoposto ai controlli di rito da cui sono scaturiti svariati alias oltre a numerosi precedenti per reati contro la persona, contro il patrimonio e in ambito di droga. Arrestato in un primo momento per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, successivamente è stato sottoposto a fermo di pg per rapina e poi condotto presso il carcere di San Vittore.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...