fbpx
CAMBIA LINGUA

Verona, Piano Regolatore: a settembre parola ai cittadini

Assemblee pubbliche in tutte le otto Circoscrizioni

Verona, Piano regolatore: a settembre parola ai cittadini.

Da settembre prenderà il via la prima fase partecipativa, di ascolto e di confronto con la Città per la riscrittura del Piano Regolatore Comunale di Verona. L’Amministrazione getta così le basi per la realizzazione della Verona di domani, inclusiva, accessibile, accogliente e ospitale.

Una novità: la partecipazione pubblica

Un nuovo iter, diverso rispetto al passato, che pone al centro il coinvolgimento e la partecipazione della città dai piccoli ai più complessi processi di cambiamento che la riguardano, portati avanti dall’Amministrazione secondo le Linee programmatiche 2022-2027, approvati dal Consiglio comunale nel dicembre scorso.

Questi processi, attraverso la definizione di indirizzi ed obiettivi strategici, descrivono una nuova idea di città che si prende cura di ogni sua componente per garantirne l’equilibrio.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Una rete attiva e aperta

Si punta ad avviare una rete costantemente attiva e aperta, attraverso cui portare avanti l’ampia e complessa ‘ristrutturazione urbanistica’ legata alla revisione del Piano.

La fase partecipativa e di primo ascolto si protrarrà almeno fino alla fine dell’anno e sarà effettuata attraverso assemblee pubbliche realizzate in tutte le otto Circoscrizioni, work shop promossi su temi specifici e altre modalità di partecipazione che saranno via via sviluppate dal Comune.

La delibera per l’avvio della prima fase partecipativa, con i relativi indirizzi, è stata approvata questa mattina dalla Giunta su proposta della vicesindaca con delega alla Pianificazione urbanistica Barbara Bissoli.

Confronto e dialogo aperto

“Diamo formalmente l’avvio al procedimento di revisione generale del PRC, con una nuova modalità di lavoro orientata al confronto e al dialogo aperto con la cittadinanza, le Circoscrizioni, la costellazione universitaria, professionale, sindacale e imprenditoriale, per conoscere bisogni e visioni sulla Verona di domani” – ha spiegato la vicesindaca Barbara Bissoli.

“Dopo l’approvazione del bilancio di previsione e del Documento Unico di Programmazione – continua Bissoli -, avvenuta ad aprile di quest’anno e del Piano Esecutivo di Gestione per l’esercizio finanziario 2023, avvenuta il 2 maggio scorso, sono stati resi disponibili i fondi per poter avviare l’iter di revisione”.

Una figura chiave, ma non sola al comando

“Il coordinatore di questo ampio iter di revisione – annuncia la vicesindaca -, individuato sulla figura del dirigente della Direzione Urbanistica comunale, si doterà di un gruppo di lavoro interdisciplinare, cui prenderà parte anche un professionista esperto in processi di partecipazione”.

“Data la complessità delle attività collegate alla revisione del PRC, a partire dall’aggiornamento del quadro conoscitivo che ha quasi vent’anni, è infatti necessario un gruppo di lavoro interdisciplinare – aggiunge Bissoli -, costituito da personale del Comune e da professionisti esterni”.

Una nuova idea di città

“Le linee di indirizzo di questa revisione sono mutuate dalle Linee programmatiche di mandato, proposte dalla Giunta e approvate dal Consiglio comunale nel dicembre scorso – conclude Bissoli -, e descrivono quella che è una nuova idea di città, caratterizzata dall’housing sociale e vocata alla prossimità dei servizi, al senso di comunità, alla coesione sociale, allo sviluppo economico e alla rigenerazione urbana sostenibile, senza consumo di suolo, alla transizione ecologica, alla riforestazione e alla rinaturalizzazione del territorio, culturalmente vivace e aperta, e che valorizza i propri tesori paesaggistici e monumentali”.

Riqualificazione e valorizzazione del territorio

Fra gli obiettivi collegati alla revisione del PRC, vi è infatti la volontà dell’Amministrazione di costruire una città dove la riqualificazione e la valorizzazione delle caratteristiche specifiche del territorio sono al primo posto, con una particolare attenzione ai Parchi delle Mura e dell’Adige, dalle colline al centro cittadino.

Per una idea urbanistica che si rifà all’idea di città arcipelago, costituita dai quartieri rigenerati e connessi da un sistema di aree verdi quanto più permeabili.

Una città che si occupa in modo importante della cura del patrimonio monumentale e del suo patrimonio immobiliare, della riqualificazione delle piazze, dei parchi, del recupero delle aree verdi. Ancora, che pone attenzione all’ambito produttivo, per un rafforzamento del suo ruolo quale polo logistico intermodale.

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×