Verona, dal 2 Aprile “Verona in blu”: una settimana di eventi dedicati alla consapevolezza sull’autismo

Per sensibilizzare sul tema, i veronesi vedranno la Gran Guardia illuminata di blu

Verona, la città torna a tingersi di blu, domani venerdì 2 aprile in occasione della “Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo”. Tante le iniziative in programma per la nuova edizione di “Verona in Blu”, con una settimana di eventi finalizzati a far conoscere l’autismo e a favorire l’inclusione sociale delle persone che vivono questa condizione.

Dalla serata del 2 Aprile, “Giornata mondiale sull’autismo”, la Gran Guardia sarà illuminata di blu per tutta la notte.

Seguiranno laboratori ludici e educativi rivolti alle famiglie, per favorire lo sviluppo neuromotorio di bambini e ragazzi con sindrome dello spettro autistico. E, ancora, cortometraggi sulle neurodiversità, convegni e messaggi di sensibilizzazione. Queste, infatti, le tante attività promosse dall’assessorato ai Servizi sociali in collaborazione con le associazioni del territorio che si occupano di autismo.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

L’autismo è un disturbo del neurosviluppo che interessa le funzioni cerebrali. Chi rientra in questa condizione ha difficoltà nell’interazione socio-relazionale e nella comunicazione con gli altri e tende fortemente ad isolarsi.

Per alzare lo sguardo su questa condizione e promuovere l’inclusione, nel marzo 2019, il Consiglio comunale ha deliberato all’unanimità la denominazione della nostra città “Verona blu’” e l’istituzione con l’allora assessore Stefano Bertacco della settimana di eventi in occasione della “Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo”.

Il programma appuntamenti è stato illustrato questa mattina in streaming dal sindaco Federico Sboarina e dall’assessore ai Servizi sociali Daniela Maellare, insieme al presidente della commissione Politiche sociali Maria Fiore Adami e al consigliere comunale Laura Bocchi. In collegamento Roberta Mancini presidente della Consulta comunale della Disabilità, Federica Costa presidente di Ants-Onlus per l’Autismo e rappresentante di Autismi Verona, Claudia Scarlatella presidente di FantasticheMenti.

“Verona è città ‘Autism Friendly’ grazie all’impegno e al lavoro sostenuto in questi anni da amministratori di una sensibilità particolare – sottolinea il sindaco –. Un impegno che ha reso possibile l’avvio e la crescita di un progetto allargato alla città, volto a coinvolgere associazioni e cittadini per mettere in evidenza le tante difficoltà collegate ad una diversa capacità cognitiva. Non posso non ricordare l’assessore Stefano Bertacco, a lui dedichiamo questa iniziativa che è stata una sua idea e che quest’anno si realizza per la prima volta senza di lui. In suo ricordo, siamo impegnati nell’obiettivo di continuare a migliorare, per rendere possibili nuovi e importanti risultati in favore dell’inclusione sociale delle persone che vivono questa condizione”.

“Nonostante le limitazioni legate al situazione pandemica in corso – spiega l’assessore Maellare – è stato realizzato anche quest’anno un ricco programma di appuntamenti. Il nostro sguardo, però, è già all’edizione 2022 che, ci auguriamo, potrà tornare ad offrire tanti eventi in presenza, al chiuso e all’aperto, per abbracciare più famiglie possibili e vivere con loro nuovi momenti di comunità. Entrare in relazione, imparare a conoscere l’autismo e le limitazioni collegate a questa sindrome è l’unica strada possibile per offrire, come amministratori, un aiuto concreto e davvero efficace. Ringrazio la presidente della commissione Sociale Maria Fiore Adami per l’impegno e la consigliera Bocchi che, come madre di un bambino autistico, ha proposto al Comune soluzioni nuove e diverse”.

“Il Comune – ricorda la presidente Adami – dal 2019 sta mettendo in campo tutte le risorse possibili, in collaborazione con le associazioni del territorio, per realizzare interventi di aiuto e sostegno per favorire l’inclusione sociale delle persone che vivono questa condizione. In quest’ultimo anno duramente colpito dalla pandemia, la realtà di queste famiglie si è purtroppo aggravata, con l’acutizzarsi di tante quotidiane difficoltà. L’opera del Comune non si è mai fermata, proprio per comprendere e risolvere le problematiche di chi è più nel bisogno”.

“Per chi è affetto da questa sindrome la relazione via web non è di immediata comprensione – dichiara la consigliera Bocchi –. Per questo sono stati pensati e realizzati progetti mirati, frutto di specialisti in questo ambito, che hanno dato vita a laboratori ludici ed educativi dedicati a bambini e ragazzi con sindrome delle spettro autistico e alle loro famiglie, per favorire lo sviluppo neuromotorio e promuovere il gioco come strumento di divertimento ed apprendimento”.

Programma appuntamenti

Tra le attività promosse: giochi sensoriali e giochi motori, realizzazione di libri in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa), per consentire la comprensione e la comunicazione attraverso simboli grafici e favorire l’orientamento nello spazio circostante, attività musicali e motorie per acquisire il senso del ritmo e tutorial finalizzati all’apprendimento delle autonomie personali, come lavarsi i denti e allacciarsi le scarpe.

I laboratori sono realizzati da FantasticheMenti Associazione culturale e sociale e sono consultabili sulle pagine facebook e instagram dell’associazione

Sabato 10 aprile, dalle 10 alle 12, si terrà l’evento “In altre parole, un libro e oltre. L’inclusione (e oltre) in linguaggio, opere…e riflessioni” con la presentazione in anteprima del libro “In altre parole” di Fabrizio Acanfora, musicista e docente di musicoterapia all’Università di Barcellona, ed egli stesso persona autistica.

L’evento, in programma su piattaforma telematica è promosso dal Gruppo Asperger Veneto

Tra le altre iniziative proposte rientra il progetto “La neurodiversità in viaggio, l’autismo raccontato attraverso il cinema e l’audiovisivo”, promosso da “Not Equal” e da “I fantastici 15”, che mette a disposizione 50 cortometraggi sulle neurodiversità introdotti e commentati da persone neurodiverse. I filmati sono disponibili sul sito www.asfilmfestival.it fino al 25 aprile, previa registrazione.

Ad integrare la settimana di eventi di “Verona Blu” si aggiungono un video messaggio di sensibilizzazione realizzato dalle associazioni e diffuso sui social e la rassegna scientifico-culturale “Euritmie: Talenti Speciali accedono alle Arti”, patrocinata dal Comune di Verona e promossa da Autismi Verona con il supporto del Coordinamento Autismo Veneto.

Anche per questa manifestazione, giunta alla settima edizione, in considerazione della situazione pandemica in atto, la maggior parte degli eventi si svolgerà on line.

In particolare venerdì 2 aprile si terrà un incontro dedicato alla “Rete Veneta”, un modello di integrazione dei servizi rivolti ai disturbi dello spettro autistico, a cui interverranno tra gli altri il ministro per le Disabilità della Presidenza del Consiglio dei ministri Erika Stefani e l’assessore a Sanità, Servizi Sociali e Programmazione socio-sanitaria della Regione Veneto Manuela Lanzarin.

Sempre venerdì, alle 17, alla Isolo17Gallery di via XX Settembre sarà inaugurata una collettiva di opere incentrate sul tema delle doti speciali tipiche delle persone con disturbi dello spettro autistico; giovedì 8 aprile, dalle 10 alle 13, verrà presentato il progetto sperimentale di terapia assistita con il cavallo nei disturbi dello spettro autistico “Riding the Blue” (tinyurl.com/j9fc6mta); venerdì 9 aprile, dalle 15 alle 19, si terrà l’incontro “Il TTAP – una lettura neurofunzionale tra i diversi ambiti coinvolti nei disturbi dello spettro autistico: servizi socio-sanitari, scuola, disabilità”. La rassegna Euritmie si concluderà con l’evento “La transizione verso l’età adulta nei disturbi dello spettro autistico” in programma sabato 17 aprile, dalle 9 alle 13.

Promuovono e sostengono l’iniziativa insieme al Comune: ANTS onlus per L’Autismo, Gruppo Asperger Veneto, COFHAGRA, ABAL, Coordinamento Autismo Veneto (CAV), I Fantastici 15, FantasticheMenti, L’Officina dell’Aias, Più di un sogno, Continuando a crescere, Consulta comunale della Disabilità.

Per informazioni sugli eventi in programma si può visitare il sito web del Comune di Verona e www.euritmie.it.

Di seguito la locandina col programma degli eventi:


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...