fbpx
CAMBIA LINGUA

Taranto, Ex Ilva: salta l’accordo sulla ricapitalizzazione tra Governo e ArcelorMittal

La delegazione dell’esecutivo guidato da Giorgia Meloni, composta dai ministri Giorgetti, Fitto, Urso e Calderone, ha incontrato il Ceo del gruppo franco-indiano

Taranto, Ex Ilva: salta l’accordo sulla ricapitalizzazione tra Governo e ArcelorMittal.

“Il Governo ha preso atto della indisponibilità di ArcelorMittal ad assumere impegni finanziari e di investimento, anche come socio di minoranza, e ha incaricato Invitalia di assumere le decisioni conseguenti, attraverso il proprio team legale”. È con queste parole, scritte in una nota da Palazzo Chigi, che il Governo conferma il mancato accordo sulla ricapitalizzazione con ArcelorMittal.

Il tavolo sull’ex Ilva di Taranto convocato a Palazzo Chigi per la giornata di oggi è saltato. La richiesta del governo di un aumento di capitale da 320 milioni di euro per l’ex Ilva, con la contestuale salita al 66% della partecipazione statale nell’azienda siderurgica di Taranto, è stata rispedita al mittente. Si complicano, dunque, gli scenari sul futuro del più grande gruppo siderurgico italiano.

Attualmente il gruppo franco-indiano detiene il 62% di Acciaierie d’Italia, il 38% invece è in mano pubblica, tramite Invitalia. La delegazione dell’esecutivo guidato da Giorgia Meloni, composta dai ministri Giorgetti, Fitto, Urso e Calderone, ha proposto al Ceo dell’azienda, Aditya Mittal, la sottoscrizione dell’aumento di capitale sociale, pari a 320 milioni di euro, così da concorrere ad aumentare al 66% la partecipazione del socio pubblico. Dopo il no della multinazionale, il governo ha incaricato Invitalia ad assumere “le decisioni conseguenti, attraverso il proprio team legale”.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Giovedì pomeriggio saranno convocati a Palazzo Chigi i sindacati per fare il punto sulla situazione. “L’esito dell’incontro a Palazzo Chigi, tra la delegazione del governo e i vertici di Invitalia e ArcelorMittal, conferma quello che Fim Fiom Uilm hanno denunciato e per il quale hanno mobilitato le lavoratrici e i lavoratori: la necessità di un controllo pubblico e la mancanza di volontà del socio privato di voler investire risorse sul futuro dell’ex Ilva”, scrivono in una nota i segretari generali di Fim-Cisl Roberto Benaglia, Fiom-Cgil Michele De Palma e Uilm-Uil Rocco Palombella.

ex ilva

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×