Putin telefona a Macron: la guerra continua; Zelensky chiede un colloquio al presidente russo

Dopo il rinvio di ieri, i negoziati tra Russia e Ucraina sono attualmente in corso

Ieri sera il presidente francese Macron ha tenuto un discorso alla nazione molto duro nei confronti della Russia. Oggi Putin, come riportato dall’agenzia di stampa russa TASS, ha voluto telefonare al suo corrispettivo per commentare le sue affermazioni.

Secondo TASS, Putin ha fatto notare a Macron di essere in disaccordo su molte questioni. Dopo aver fatto notare il suo disappunto, il presidente russo  ha sottolineato che non ha intenzione di abbandonare i suoi obbiettivi militari che “in ogni caso saranno completati, mentre ogni tentativo di guadagnare tempo ritardando le negoziazioni condurrà a richieste aggiunti a Kiev”.
Infine Putin ha voluto far sapere di essere pronto a collaborare all’evacuazione sicura dei cittadini stranieri in Ucraina, tra cui un grande gruppo di studenti indiani a Kharkiv a sua detta “tenuti ostaggio dalle forze ucraine”. Secondo ANSA, il colloquio è durato un’ora e mezza.

Dopo il rinvio di ieri, oggi è stato il giorno dei negoziati tra Russia e Ucraina. Mikhailo Podoliak, consigliere vicino al presidente ucraino Zelensky ha annunciato su Twitter l’inizio del dialogo tra le due delegazioni, ponendo come punti-chiave in agenda “l’immediato cessate il fuoco, l’armistizio e i corridoi umanitari per l’evacuazione di civili dai villaggi e dalle città distrutti o costantemente bombardati“.
Un’intesa parziale è trovata. Le due parti hanno concordato una  tregua per permettere ai civili di mettersi in salvo.

The Kyiv Independent riporta che, durante una conferenza contemporanea ai negoziati, Zelensky ha proposto pubblicamente a Putin di avere un incontro privato, chiedendogli direttamente: “Di cosa hai paura?”.

 

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...