Putin contro il governo ucraino: “Una banda di neonazisti”, e invita l’esercito a prendere il potere

Il Sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha fatto sapere che i suoi cittadini sono pronti a resistere e che 18mila fucili sono stati consegnati ai volontari

Le truppe russe si avvicinano a Kiev, ma incontrano la resistenza delle forze militari ucraine.

Stamattina un’avanguardia russa è stata segnalata nelle prossimità della capitale, ma nel pomeriggio la notizia è che la gran parte delle forze d’invasione sarebbe ancora impegnata a 50 kilometri dalla città.  Il Sindaco della capitale, Vitali Klitschko, ha fatto sapere che i suoi cittadini sono pronti a resistere e che 18mila fucili sono stati consegnati ai volontari. Nonostante questo l’intelligence USA prevede potrebbe cadere nel giro di pochi giorni.

Se il presidente ucraino Zelensky ha detto ai leader dell’Ue: “Questa potrebbe essere l’ultima volta che mi vedete vivo”, intanto il suo corrispettivo russo, Vladimir Putin, ha parlato alla televisione russa definendo i suoi avversari una “banda di drogati e neonazisti”. Putin ha invitato i militari ucraini a rovesciare il governo ucraino e a prendere “il potere nelle vostre mani”, dicendo ai capi dell’esercito: “Mi sembra che sarà più facile negoziare tra noi”.

La situazione in Ucraina rimane l’oggetto principale dell’informazione mondiale, ma tra i reporter arrivati nei giorni scorsi ce n’è uno d’eccezione, si tratta dell’attore e regista Sean Penn. La notizia è stata data dalla testata Deadline: Penn è di nuovo un Ucraina – ci era già stato a Novembre – per un documentario prodotto da Vice World News ed Endeavour Content.

Mentre si aspettano novità sulle nuove sanzioni promesse dall’Unione Europea, un nuovo alleato dell’Ucraina si è rivelato: si tratta del collettivo di hacker Anonymous. Con un tweet notturno, Anonymous ha dichiarato guerra cibernetica al governo russo e ha rivendicato diversi attacchi hacker, tra cui quelli ai siti del Cremlino e della Duma.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...