Milano, il Comune lancia “MASP”: l’app per il ritorno al lavoro delle neo-mamme

Tajani: “Un progetto europeo che ha permesso all’Amministrazione di concentrare la propria attenzione sulle donne e su una migliore conciliazione vita-lavoro”

Milano, La città sempre più attenta al supporto della maternità e alla migliore conciliazione vita e lavoro. Si terrà giovedì 25 marzo, dalle ore 10 alle ore 13, l’evento conclusivo del progetto MASP – Master Parenting in Work and Life, trasmesso in diretta streaming sulla piattaforma e sulla pagina Facebook. Una occasione per approfondire due questioni sempre più urgenti: la conciliazione tra vita personale e lavorativa e la promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro, a partire dall’esperienza maturata in due anni di lavoro sul campo dal progetto europeo MASP.

“Il progetto MASP è il risultato di una sperimentazione attuata all’interno del Comune di Milano – spiega l’assessora alle Politiche per il Lavoro e Risorse Umane del Comune di Milano, Cristina Tajani -. A donne (e uomini) in congedo parentale, è stato offerto un modo per riflettere sulle nuove competenze che la genitorialità lascia in ognuno, trovando il modo per applicarle al ritorno in ufficio e facendone un punto di forza. Riconoscere queste soft skill – prosegue l’assessora – è un arricchimento per chi lavora e per le aziende ed è per questo che l’Unione europea ha voluto scommettere sul tema. Un progetto che ci ha permesso di vedere l’essere genitori come un valore aggiunto per le persone e per la società e non come un ostacolo. Fare dell’innovazione organizzativa nel mondo del lavoro un volano di attrattività è nostro obiettivo da tempo. Così è stato per il lavoro agile, e così continuiamo a fare in tema di welfare aziendale, di politiche di conciliazione. Grazie alla piattaforma e all’app accessibili da ogni supporto informatico – conclude Tajani – consentiamo a molti giovani, ma soprattutto a tante donne, oggi le più colpite dalle ricadute economiche della pandemia, di scoprire le opportunità di formazione proposte da Afol in linea con le proprie competenze e con le proprie aspirazioni”.

Sarà proprio l’assessora Tajani ad aprire la giornata di confronto internazionale che proporrà un programma denso di interventi a cura di esperte ed esperti che forniranno ai partecipanti uno spaccato non solo nazionale, ma anche europeo, dei temi trattati grazie alla specifica connotazione del progetto.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

MASP è un progetto finanziato dall’Unione Europea con una collaborazione internazionale che vede il Comune di Milano capofila di una serie di partner: Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento, AFOL Metropolitana, Associazione BIN ITALIA, API (Associazione Piccole medie Imprese), Gruppo Cooperativo CGM, EUROSMAC, Lifeed (Maam Life Based Learning), REVES Network e AICCON.

L’obiettivo principale di MASP, oltre a quello di fornire alle donne con carichi di cura, disoccupate, competenze utili nella ricerca del lavoro e a incoraggiare una divisione più equa delle responsabilità familiari tra uomo e donna, è stato quello di supportare le imprese nell’adottare nuovi strumenti utili a riconoscere l’importanza di queste competenze sui luoghi di lavoro, per lo sviluppo organizzativo e l’incremento della competitività in azienda. Il tutto accompagnato da una costante ricerca e analisi delle migliori pratiche attivate a livello nazionale ed europeo al fine di creare un modello condiviso in grado di beneficiare di una preziosa partnership multilivello e multi stakeholder.

Il progetto ha permesso la realizzazione di www.masp4skills.it una piattaforma e un’app rivolte in particolar modo alle donne 28-49 anni inoccupate e impegnate nel percorso della genitorialità affinché le competenze trasversali acquisite nel corso della maternità, come empatia, ascolto e capacità di gestire il tempo, possono trasformarsi in competenze utili per il mondo del lavoro e favorirne l’occupazione. Nello specifico la piattaforma e l’app si sviluppano su tre livelli: identificazione e valorizzazione delle soft skills sulle quali puntare – strumenti e consigli per cercare lavoro – la tutela delle pari opportunità: riferimenti normativi antidiscriminatori, un vero e proprio vademecum per conciliare al meglio vita privata e lavoro.

Realizzata anche una pubblicazione “on line” che costituisce un vero e proprio “kit genitoriale” volto a facilitare l’accesso alle informazioni sui diritti di protezione sociale per i neo papà e mamme sui luoghi di lavoro. Presenti anche numerose informazioni sui percorsi e sul sostegno offerti dalle Amministrazioni e dalle aziende per favorire l’ingresso e la permanenza nel mercato del lavoro.

Giovedì 25 marzo rappresenterà l’occasione ideale per indagare i risultati di un progetto virtuoso portato avanti dal 2019 ad oggi. Per visionare il programma e iscriversi all’evento visitare il sito a questo link.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...