Milano, il 1 Marzo si conclude il censimento di stufe, camini e forni a legna

È necessario registrare il proprio apparecchio entro il prossimo 1° marzo sul sito del Comune

Milano, L’Amministrazione ha deciso di realizzare un censimento per localizzare stufe, camini o forni a legna presenti negli immobili privati o nelle attività, per questo è necessario registrare il proprio apparecchio entro il prossimo 1° marzo in un database accessibile via internet dal sito del Comune. La scadenza del censimento è in linea con la risalita degli indici inquinanti che già hanno provocato la reintroduzione dell’Area C, prevista per il 24 Febbraio.

Il Regolamento per la Qualità dell’Aria approvato dal Consiglio Comunale lo scorso 19 novembre introduce due censimenti obbligatori: il primo è rivolto ai proprietari di attività produttive alimentari e di ristorazione, che fanno uso di biomassa come legna da ardere, pellet o simili, che dovranno fornire informazioni relative al tipo di apparecchio utilizzato; il secondo è rivolto ai proprietari di immobili, che dovranno registrare i propri apparecchi di riscaldamento domestico localizzato, ad esempio le stufe se alimentate a gasolio, legna da ardere, carbone di legna, biomasse combustibili o biodiesel.

In caso di nuove attività di ristorazione che facciano uso di biomassa, invece, l’impianto andrà registrato entro 30 giorni dalla data di presentazione della SCIA.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Per maggiori informazioni sul Regolamento Aria e per registrare il proprio impianto è possibile accedere e registrarsi a partire da questo link

Tra le principali fonti emissive di polveri nocive per la salute dei cittadini, come il PM 10 o il biossido di Azoto vi è la combustione dovuta a pizzerie con forno a legna, la combustione da impianti termici alimentati a legna e simili, la combustione da utilizzo di stufe, caminetti e cucine in ambito residenziale che si aggiungono ad altri fattori come il trasporto su strada di veicoli a motore, la combustione da impianti termici, residenziali e commerciali alimentati a metano o gasolio, i processi produttivi, la produzione di energia, la combustione nelle industrie, la combustione di tabacco, i fuochi d’artificio etc.

A questo proposito che l’articolo 3 del Regolamento prevede il divieto di nuove installazioni di impianti a gasolio e biomassa (minori di 3MW), nonché il divieto di utilizzo di gasolio e di biomassa, quest’ultime solo per impianti installati da più di 10 anni, a partire dal 1° ottobre 2022.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...