Messina, il bombardamento sulla città raccontato nel docu-film “Puntando gli occhi al cielo 1941-2021”

Realizzato dall’Associazione Nazionale, in occasione dell’80° Anniversario del Primo bombardamento su Messina

Messina, l’Assessore alla Cultura Enzo Caruso, insieme al Presidente dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANVCG) sezione di Messina Renato Colosi, é stato ricevuto da S.E. il Prefetto di Messina Cosima Di Stani, per presentare in anteprima la produzione del docu-film “Puntando gli occhi al cielo 1941-2021”, realizzato dall’Associazione Nazionale, in occasione dell’80° Anniversario del Primo bombardamento su Messina, con il patrocinio del Comune di Messina ed in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, regia e montaggio di TODOMODOTV.

Nel corso dell’incontro, cui hanno partecipato anche il dott. Josè Villari e la giornalista Maria Tiziana Sidoti, il Prefetto Di Stani ha visionato il video nel quale sono documentati racconti e ricordi, raccolti in oltre dieci anni, di vittime civili di guerra e di testimoni oculari (allora ragazzi) dei tremendi bombardamenti subìti dalla Città di Messina (Medaglia d’Oro al Valor Militare) tra gennaio 1941 e agosto 1943.

Nell’esprimere il suo particolare apprezzamento al prezioso documento, il Prefetto Di Stani ha annunciato la presentazione ufficiale del docu-film a cura della Prefettura non appena le disposizioni anti-Covid 19 lo consentiranno, al fine di promuoverne la diffusione nelle scuole e negli ambienti culturali.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il Presidente Colosi, considerato il valore altamente educativo per la promozione della Cultura della Pace, ha anticipato la distribuzione gratuita del video nelle scuole e nelle biblioteche istituzionali per consentire una libera e quanto più possibile fruizione pubblica.

“Non possiamo che essere grati all’Associazione dei Reduci Civili di Guerra e al contributo di TODOMODOTV – ha sottolineato l’Assessore Caruso – per questo dono alla Città e alle giovani generazioni. La testimonianza di volti noti come il Presidente dei Canterini Peloritani Lillo Alessandro, il giornalista Geri Villaroel, il titolare della Casa Musicale Nino Sanfilippo e il prof. Giulio Santoro, unitamente a tanti altri ‘ragazzi e ragazze del ‘43’ rappresenta un tassello inedito che la storia ufficiale, studiata sui libri, non avrebbe mai potuto restituire alla nostra Città in modo così vero e coinvolgente. I racconti dei nonni, che tendono pian piano a sbiadire, con questo docu-film resteranno indelebili ad imperitura memoria”.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...