fbpx
CAMBIA LINGUA

Manovra: terminato il tavolo di confronto tra Governo e parti sociali, si attente il Consiglio dei ministri di oggi

Si è svolto un incontro nel quale il Governo ha presentato i pilastri del disegno della Legge di Bilancio 2024, prossimo passaggio il Consiglio dei ministri di lunedì 16 ottobre.

Manovra: terminato il tavolo di confronto tra Governo e parti sociali, si attente il Consiglio dei ministri di oggi

Si è svolto un incontro nel quale il Governo ha presentato i pilastri del disegno della Legge di Bilancio 2024, prossimo passaggio il Consiglio dei ministri di lunedì 16 ottobre.
In vista del Consiglio dei ministri che si terrà oggi, lunedì 16 ottobre, è stato terminato a Palazzo Chigi il primo tavolo di confronto tra Governo e parti sociali sulla manovra.

Uno scambio di vedute che si è svolto in un clima proficuo e costruttivo nel corso del quale l’Esecutivo ha illustrato alle associazioni sindacali e datoriali i pilastri del disegno di legge di Bilancio per il 2024.
Il Governo, nel corso della riunione di confronto, è stato rappresentato dai Ministri dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti e del Lavoro e delle politiche sociali Marina Calderone, dal Viceministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo, dal Sottosegretario alle Imprese e Made in Italy Fausta Bergamotto e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano.
Nel corso dell’incontro è stato sottolineato come, nel rispetto della sostenibilità della finanza pubblica, si stia lavorando a una manovra seria, responsabile e realista in continuità con il lavoro portato avanti dal Governo fin dalla precedente legge di Bilancio.

In particolare, il Governo ha posto priorità assoluta su redditi e pensioni più bassi per contrastare gli effetti negativi dell’inflazione, sulla riduzione delle tasse attraverso la conferma del taglio del cuneo fiscale e contributivo e l’anticipo della riforma dell’Irpef prevista dalla Delega fiscale, misure per la famiglia con incentivi per la natalità e le donne lavoratrici, risorse significative per il comparto sanitario e i rinnovi dei contratti del pubblico impiego scaduti da tempo.
Il confronto è stato suddiviso in due incontri separati. Un primo tavolo con i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confindustria, Abi, Ania, Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Copragri, Alleanza Cooperative Italiane, Confsal. A seguire un secondo incontro con i rappresentanti di Ance, Confimi Industria, Confapi, Confetra, Confedilizia, Confimprese Italia, Finco, Cisal, Usb, Cida, Ciu, Confedir, Confprofessioni, Confeservizi, Confintesa.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Manovra: terminato il tavolo di confronto tra Governo e parti sociali sulla manovra, si attente il Consiglio dei ministri di oggi Si è svolto un incontro nel quale il Governo ha presentato i pilastri del disegno della Legge di Bilancio 2024, prossimo passaggio il Consiglio dei ministri di lunedì 16 ottobre. In vista del Consiglio dei ministri che si terrà oggi, lunedì 16 ottobre, è stato terminato a Palazzo Chigi il primo tavolo di confronto tra Governo e parti sociali sulla manovra. Uno scambio di vedute che si è svolto in un clima proficuo e costruttivo nel corso del quale l'Esecutivo ha illustrato alle associazioni sindacali e datoriali i pilastri del disegno di legge di Bilancio per il 2024. Il Governo, nel corso della riunione di confronto, è stato rappresentato dai Ministri dell'Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti e del Lavoro e delle politiche sociali Marina Calderone, dal Viceministro dell'Economia e delle Finanze Maurizio Leo, dal Sottosegretario alle Imprese e Made in Italy Fausta Bergamotto e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano. Nel corso dell’incontro è stato sottolineato come, nel rispetto della sostenibilità della finanza pubblica, si stia lavorando a una manovra seria, responsabile e realista in continuità con il lavoro portato avanti dal Governo fin dalla precedente legge di Bilancio. In particolare, il Governo ha posto priorità assoluta su redditi e pensioni più bassi per contrastare gli effetti negativi dell'inflazione, sulla riduzione delle tasse attraverso la conferma del taglio del cuneo fiscale e contributivo e l'anticipo della riforma dell'Irpef prevista dalla Delega fiscale, misure per la famiglia con incentivi per la natalità e le donne lavoratrici, risorse significative per il comparto sanitario e i rinnovi dei contratti del pubblico impiego scaduti da tempo. Il confronto è stato suddiviso in due incontri separati. Un primo tavolo con i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confindustria, Abi, Ania, Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Copragri, Alleanza Cooperative Italiane, Confsal. A seguire un secondo incontro con i rappresentanti di Ance, Confimi Industria, Confapi, Confetra, Confedilizia, Confimprese Italia, Finco, Cisal, Usb, Cida, Ciu, Confedir, Confprofessioni, Confeservizi, Confintesa.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×