Lecco, rinnovato lo sportello informativo gratuito per le disposizioni sanitare in caso di sopravvenuta incapacità

Lecco, rinnovato il protocollo d’intesa sottoscritto nel 2020 da Comune di Lecco, Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Lecco e Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Lecco, per la creazione di uno sportello informativo gratuito sulle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT), ovvero la possibilità che ogni cittadino ha di esprimere la propria volontà nel merito di accertamenti diagnostici e scelte terapeutiche, decidendo quali trattamenti sanitari intenda o non intenda ricevere nel caso in cui non sia più in grado di prendere decisioni per sé o non le possa esprimere chiaramente per una sopravvenuta incapacità.

 

La redazione delle proprie DAT, facoltà istituita con la Legge 219 del 2017, è libera e volontaria. Può essere effettuata da ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere attraverso un atto pubblico notarile, una scrittura privata autenticata o una scrittura privata non autenticata da consegnare personalmente all’ufficio di stato civile del comune di residenza. Le DAT sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.

 

Per conoscere quali siano le possibilità offerte dalla legge, acquisire la consapevolezza necessaria alla redazione delle proprie volontà in materia e mantenersi aggiornati, lo sportello gratuito rappresenta un’occasione da non perdere, che fornisce informazioni anche sul ruolo dei diversi soggetti implicati, come il medico, il notaio, l’ufficiale di stato civile, sulle modalità di consegna delle disposizioni, sul disponente e sul fiduciario, esplicitando le modalità di ricezione, conservazione e consultazione dei documenti e sui diritti individuali in materia di protezione dei dati e di consultazione della banca dati nazionale previsti dalla legge.

 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

“Giudichiamo molto positiva l’esperienza di collaborazione con ASST di Lecco e con l’ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Lecco svolta fino a oggi in relazione alla difesa e sostegno dei diritti dei cittadini in un campo molto delicato e sensibile come quello riguardante la possibilità per i pazienti di esprimere una chiara scelta circa le terapie mediche ed i trattamenti sanitari che li riguardano – sottolinea l’assessore ai servizi istituzionali e generali del Comune di Lecco Roberto Pietrobelli. Per queste ragioni il rinnovo del protocollo di intesa ne è la logica conseguenza”.

 

“Il buon esito dell’iniziativa “Dì la tua”, nata dalla collaborazione con il Comune di Lecco e l’Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Lecco attivata un anno fa, ci porta a proseguire nel cammino intrapreso – spiega il Direttore Generale dell’ASST di Lecco Paolo Favini. Il “testamento biologico” costituisce una possibilità concreta affinché i cittadini possano  esprimere la propria volontà rispetto alle cure anche quando non potessero essere in grado di prendere decisioni o esprimerle compiutamente per una sopravvenuta incapacità. Questo servizio è sicuramente cifra e segno concreto di un gesto di grande valore etico e civile”.

 

“Il protocollo d’intesa – commenta il dottor Pierfranco Ravizza, presidente dell’Ordine dei Medici – riguarda la possibilità di essere vicino al cittadino nel momento di prospettare scelte di grande significato personale nei confronti di un possibile futuro di malattia; il compito svolto dal medico non è solo un dovere professionale, ma una manifestazione di attenta sensibilità ad esigenze molto personali, che tuttavia necessitano di essere guidate da adeguate conoscenze tecniche; siamo orgogliosi pertanto di contribuire a questa doverosa ed apprezzata iniziativa”.

 

Il servizio di consulenza, ordinariamente mutuato presso l’ospedale Manzoni di Lecco, sarà riattivato al termine della situazione di emergenza, mentre è già possibile effettuare prenotazioni chiamando l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Lecco dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 al numero 0341 364956.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...