fbpx

Consiglio dei ministri: approvato il decreto-legge in materia di energia e in tema di ordinamento giudiziario

Il Consiglio dei ministri di lunedì 17 novembre, ha approvato il decreto-legge in materia di energia e due provvedimenti per la disciplina dell’accesso in magistratura e per le valutazioni dei magistrati.

Consiglio dei ministri: approvato il decreto-legge in materia di energia e in tema di ordinamento giudiziario

Il Consiglio dei ministri di lunedì 17 novembre, ha approvato il decreto-legge in materia di energia e due provvedimenti per la disciplina dell’accesso in magistratura e per le valutazioni dei magistrati.

Il Consiglio dei ministri è stato convocato lunedì 17 novembre, alle ore 16.30 a Palazzo Chigi, per l’esame dei punti all’ordine del giorno.
Nel corso della riunione sono state analizzate disposizioni urgenti per la sicurezza energetica del Paese, la promozione del ricorso alle fonti rinnovabili di energia, il sostegno alle imprese a forte consumo di energia, nonché per il funzionamento del mercato al dettaglio dell’energia elettrica.

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto-legge in materia energia.
Il provvedimento sembrerebbe contenere la proroga del mercato tutelato. “Con il decreto Energia vogliamo liberare le grandi potenzialità del nostro Paese, per renderlo riferimento nel Mediterraneo sulle rinnovabili: un provvedimento che vale 27,4 miliardi di investimenti. Vogliamo sostenere famiglie e imprese, per renderle ancor più protagoniste di una transizione bilanciata e realistica”.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Lo dichiara il Ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto, in merito al decreto Energia approvato in Consiglio dei ministri.
È stato affrontato inoltre il tema dell’esecuzione dell’Accordo in materia di coproduzione cinematografica tra il Governo della
Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica di Serbia, con allegato e sono stati approfondite le modalità di adeguamento delle normative nazionali alle disposizioni del regolamento dell’Unione Europea.

Affrontate le disposizioni sul riordino della disciplina del collocamento fuori ruolo dei magistrati ordinari. Giudici e Pubblici ministeri verranno valutati con delle “pagelle”.
Il Consiglio dei ministri ha approvato due decreti legislativi in materia di ordinamento giudiziario. Il primo, riguarda la disciplina dell’accesso in magistratura e le valutazioni di professionalità dei magistrati. Il secondo introduce una stretta alla disciplina del collocamento fuori ruolo dei magistrati ordinari, amministrativi e contabili.

Convocato Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi: approvato il decreto-legge in materia di energia e in tema di ordinamento giudiziario

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×