Cernusco sul Naviglio, Daniele Cassamagnaghi si presenta come candidato Sindaco della coalizione centrodestra

A sostegno della sua candidatura da primo cittadino troviamo Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e due liste civiche

Cernusco sul Naviglio, Daniele Cassamagnaghi si presenta come candidato Sindaco della coalizione centrodestra.

Daniele Cassamagnaghi, in vista delle elezioni comunali che dovrebbero tenersi in primavera, si candida Sindaco della città sfidando il primo cittadino uscente. Durante la conferenza stampa, Daniele Cassamagnaghi si è presentato con la sua coalizione chiarendo diversi punti per migliorare le condizioni della città.

La conferenza è iniziata con l’intervento di Daniele Cassamagnaghi, il quale, con grande convinzione e autorità, ha specificato i temi che devono essere affrontati nel percorso di miglioramento della città: “Cernusco ha un obbligo, quello di ripartire, di essere ancora centrale nella Martesana, noi vogliamo attrarre energie dall’esterno, ovvero le attività produttive. Tante aziende a Cernusco sono scappate riducendo il beneficio per il commercio, dal punto di vista occupazionale e delle casse comunali, con aumenti sull’Imu.
Dobbiamo affinare e migliorare i servizi, la città è sporca per cui vogliamo un presidio maggiore su questo, anche dal punto di vista ambientale, in cui gli alberi sono il baluardo contro le emissioni di CO2”.

Infatti, lo stesso Daniele Cassamagnaghi ha introdotto un grande progetto di forestazione che partirà dal basso, cioè dalle cose più semplici: “Ci è venuta l’idea di dedicare ad ogni nato un albero con tanto di targhetta, così negli anni potrà anche vedere l’evoluzione, ma soprattutto avere il dito puntato contro l’amministrazione se non sarà in grado di salvaguardarlo”.

Per quanto riguarda il comparto scolastico si è parlato tanto della costruzione di una nuova scuola: “Noi l’abbiamo sempre detto, – continua Daniele Cassamagnaghi – , questo aspetto lo voglio chiarire perchè non ci sono né i doppi turni, né classi pollaio, c’è solamente da fare un check serio di quelle che sono le strutture. Ci deve essere però un aspetto fondamentale che è lo sviluppo del piano del governo del territorio, come si svilupperà la città dalla proposta che noi vogliamo lanciare; bisognerà fare un ragionamento su tutte quelle aree destinate ai servizi, alla rigenerazione, ma anche un grosso maquillage all’interno della città, nel centro storico: per esempio ci sono delle cascine in condizioni veramente terribili”.

Infine, Daniele Cassamagnaghi ha sottolineato con grande convinzione la ricostruzione della macchina comunale, collegandosi all’esempio dei vigili urbani: “Noi dovremmo avere un vigile, un agente di polizia locale ogni 1000 abitanti, adesso siamo poco più di 34.000 abitanti per cui ci dovrebbero essere 34 agenti, invece siamo arrivati a 17, questo significa che la città è in disarmo, non solamente per quanto riguarda il comparto della sicurezza, che è fondamentale, ma anche perché garantire la sicurezza di un territorio vuol dire assicurare uno sviluppo”

Successivamente, sono intervenuti anche i sostenitori del candidato evidenziando ciò che li unisce, ovvero la voglia di un programma nuovo, di cambiare il modo di fare valori di questa città, che appunto non sia solo per pochi ma una giunta aperta.

Daniele Cassamagnaghi ha concluso la conferenza dichiarando i veri interessi per questa coalizione di centrodestra, ovvero la voglia di cambiamento, la fiducia che hanno tra di loro nel portare al centro gli interessi dei cernuschesi, che a loro volta potranno porre fiducia in loro, grazie a quello che si è creato.

 

 

Cernusco sul Naviglio, Daniele Cassamagnaghi si presenta come candidato Sindaco della coalizione centrodestra
Daniele Cassamagnaghi

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...