Oristano, approvato il progetto da 998 mila euro per il Centro di riuso

La Giunta comunale di Oristano, ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per l’adeguamento e l’ammodernamento del Centro di riuso.

Oristano, approvato il progetto da 998 mila euro per il Centro di riuso.

La Giunta comunale di Oristano, su proposta dell’Assessore all’Ambiente Gianfranco Licheri, ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per l’adeguamento e l’ammodernamento del Centro di riuso.

“Con un progetto da 998 mila euro partecipiamo al bando del Ministero della Transizione ecologica per potenziare il centro del riuso – spiega il Sindaco Andrea Lutzu -. Il Centro del riuso ha una forte valenza sociale perché attraverso il recupero degli oggetti non più utilizzati mette a disposizione dei cittadini più svantaggiati beni che non hanno esaurito il loro ciclo vitale”.

Partendo dall’esperienza maturata in questi anni e dall’analisi dei risultati raggiunti in termini di riduzione dei rifiuti conferiti a smaltimento e dei beni recuperati, il progetti punta a infrastrutturare completamente i locali per garantirne la piena funzionalità sottolinea l’Assessore all’Ambiente Gianfranco Licheri -. Accanto ai laboratori di falegnameria e ciclomeccanica, si prevede l’allestimento di quelli di tappezzeria e sartoria, oltre all’allestimento dei magazzini e delle aree espositive”.

Il centro del riuso di via Oslo è ospitato in un capannone di 700 metri quadrati adiacente al centro comunale di raccolta. Al fine di implementare l’interazione tra le due strutture è stato realizzato un collegamento che consente agli utenti di poter agevolmente conferire i beni per i quali si prevede un possibile riutilizzo direttamente al centro del riuso. Il centro dispone di un locale adibito a front-office e archivio e di un’area esterna di 3.100 metri quadrati. Il centro ospita laboratori di riparazione, una zona per l’accettazione e una ampia zona per lo stoccaggio dei materiali.

A livello regionale sono ancora pochi i centri del riuso, prevalentemente insediati nei grossi centri urbani – aggiunge l’Assessore Licheri -. Oristano, Sassari e Cagliari rappresentano, con alcune differenze, le uniche strutture realmente funzionanti, ma solo quello di Oristano è strutturato per poter realmente recuperare i materiali operando semplici attività di manutenzione, non limitandosi alla semplice raccolta e ridistribuzione dei beni. Il valore aggiunto del nostro centro del riuso è rappresentato dalla disponibilità dei volontari e dalla presenza dei laboratori di riparazione dei beni che possono consentire un futuro di autofinanziamento e di paragonarsi alle realtà virtuose presenti in altre parti dell’Italia. Oltre ad incentivare il riutilizzo di beni altrimenti destinati a discarica, il progetto portato avanti dall’Amministrazione Comunale con le associazioni di volontariato persegue il fine di dare occupazione a persone che vivono in condizioni economico-sociali disagiate che possono apprendere e cimentarsi in lavori di falegnameria, officina riparazione biciclette, riparazione manufatti vari, officina, fabbro”.

Il progetto di potenziamento prevede il miglioramento della struttura e l’installazione di nuovi impianti, con i nuovi allacci idrici e fognari, l’adeguamento di quello elettrico e di illuminazionecon un impianto fotovoltaico. Si prevede l’acquisto di un carrello elevatore elettrico e di un transpallet, l’allestimento dei magazzini e delle aree espositive, l’acquisto di attrezzature per il laboratorio di falegnameria e una cabina di verniciatura, le attrezzature per il laboratorio di ciclomeccanica, per la legnaia, per il laboratorio di tappezzeria e sartoria e per gli uffici amministrativi. 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...