Milano, al Teatro Leonardo omaggio a Giorgio Gaber

21 novembre

Milano, al Teatro Leonardo omaggio a Giorgio Gaber.

Lunedì 21 novembre al Teatro Leonardo di Milano, il cantautore Walter Di Gemma rende omaggio al grande Giorgio Gaber con due spettacoli, un pomeridiano alle ore 17 e un serale alle ore 21.

Organizzato dall’Associazione Artespettacolo, il récital di canzoni e monologhi del repertorio Gaber-Luporini è portato in scena da Di Gemma con il rispetto dovuto a un artista del calibro di Giorgio Gaber. Una passione rafforzata dalla storia di amicizia e stima reciproca che traspare in ogni brano selezionato per lo spettacolo, costruito con sapienza perché arrivi al cuore di tutti con brani noti e meno noti, attraversandone l’intera opera letteraria per riproporlo in teatro, la sua dimensione più reale. Una scelta ancora più appropriata se si pensa che il ricavato sarà devoluto all’Associazione Luce è Vita che da anni si impegna nella ricerca contro le leucemie.

Il récital “Grazie, Gaber!” ha debuttato nel 2004 ottenendo un grandissimo consenso da parte di pubblico e critica che ha portato Di Gemma a essere considerato uno dei migliori interpreti di Giorgio Gaber.
Lo spettacolo è l’occasione per riascoltare brani quali L’illogica allegria, Gildo, Quando sarò capace d’amare, Le elezioni, L’odore (per citarne alcuni)… accomunati tutti da una profonda e sincera autocritica, con riflessioni sui valori perduti in nome di una smania individualista.

WdG:Siamo figli di un tempo che osanna la libertà personale a qualsiasi costo, spesso distruggendo quella degli altri, con la falsa convinzione che questo atteggiamento serva a farci sentire noi stessi, mentre noi affondiamo inconsapevoli nel terreno inaridito da mode precostituite, falsi miti e ideologie imperanti.”
Non si ha mai abbastanza a fuoco, il messaggio che Gaber ha lasciato in eredità a intere generazioni che ora lo studiano sui banchi di scuola. Alla domanda su cosa lo spinga a misurarsi con l’arte di Gaber, Di Gemma risponde: “Necessità di ripercorrerlo, come un bisogno non fisico ma interiore. Come fosse una linfa, che ti alimenta, ti sostiene perché ci sono in lui tutti i valori che una persona
onesta vorrebbe raggiungere ed è bello essere stati segnati da Gaber, vivendo sotto la sua ombra, perché è impossibile superarlo. È una protezione, un punto fermo, un riferimento per una coerenza del ragionamento, lucido.”

Tra Gaber e Di Gemma anche una grande amicizia, di cui il ricordo più piacevole “A parte i suoi spettacoli, che mi sconvolgevano ogni volta, lo aspettavo in camerino e stavo con lui fino alla fine, era straordinario e percepivo il suo piacere nel condividere con me questi momenti. Non dimenticherò mai quel suo abbraccio spontaneo, così inaspettato… paterno e fraterno allo stesso tempo“,

In questi giorni sono cominciate le prove dello spettacolo e Di Gemma, in nome di quell’amicizia e
del profondo rispetto verso Gaber si confida: “ Lo ritrovo sempre più forte, dentro di me come una consapevolezza nel sangue. Oggi mi sono fermato ancora in più passaggi. Quanta paura mi mette il dubbio di non riuscire a rendere ogni sillaba del suo pensiero… ed eccola qui la frase che non mi passa per la gola e si ferma lì… Devo distaccarmi quel tanto che basta per far sì che io riesca a farla scivolare e vibrare nel modo più naturale possibile, senza snaturare nulla. Se mi vedesse! In senso lato, ovviamente. Perché so
benissimo che se fosse davvero qui a guardarmi mi bloccherei completamente“.

Info e prenotazioni
Artespettacolo – Telefono 02 6703420
Spettacolo Ore 17:00 € 20.00
Spettacolo Ore 21:00 € 30.00

Milano, al Teatro Leonardo omaggio a Giorgio Gaber

 

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...