Ancona, arrestato 30enne per spaccio di sostanze stupefacenti

Continua incessante l’attività repressiva della Polizia di Stato volta al contrasto dello spaccio delle sostanze stupefacenti sul territorio urbano.

I poliziotti nelle ultime ore hanno arrestato un italiano di trent’anni, con precedenti specifici, trovato in possesso di oltre 2 chili e mezzo di droga.

Il giovane, nel tardo pomeriggio di mercoledì 10 novembre, al culmine di un’attività investigative nonché di una serie di appostamenti e pedinamenti dedicati, è stato raggiunto dagli investigatori nella sua abitazione di Ancona e sottoposto ad un’accurata perquisizione locale.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Gli agenti gli hanno trovato in casa oltre 2 chili e mezzo di droga di cui 22 panetti di hashish (Kg 2) e oltre mezzo chilo di marijuana contenuta in due buste sottovuoto.

Oltre al predetto stupefacente gli agenti hanno rinvenuto una modica quantità (di prova) di una nuova sostanza stupefacente denominata “Rosin” ricavata artigianalmente dallo stesso arrestato, attraverso un procedimento di lavorazione della marijuana impastata con l’acqua calda.

In definitiva la “rosin” è un inedito modo di separazione della resina di canapa sativa senza l’utilizzo di solventi che si sta diffondendo tra gli assuntori. I motivi dell’utilizzo di tale tecnica sono la facilità, il basso costo e la qualità del prodotto.

Per produrre olio di canapa con la tecnica rosin, bisogna applicare una forte fonte di calore e pressione sulle foglie di cannabis (di solito si usa il ferro da stiro o la piastra per capelli e la carta forno) in modo tale che in pochi secondi la resina cbd si separa formando piccole gocce, cioè l’olio di canapa.

La temperatura non deve essere troppo alta altrimenti si perdono più cannabinoidi e terpeni per via della vaporizzazione nel processo, ma nonostante questo la purezza del prodotto sarà sempre maggiore.

Visti i gravi indizi di reità emersi a carico del giovane, lo stesso veniva tratto in arresto e su disposizione della Procura della repubblica presso il Tribunale di Ancona, collocato in carcere a Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Oggi l’arresto è stato convalidato e il giudice ha applicato la custodia cautelare in carcere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...