fbpx
CAMBIA LINGUA

Modena: via a due interventi di rigenerazione in Viale Moreali

Unanimità del Consiglio sui permessi di costruire per la realizzazione di due palazzine residenziali, il completamento di un edificio mai concluso e la sistemazione del viale

Modena: via a due interventi di rigenerazione in Viale Moreali.

In viale Moreali sarà effettuato un intervento di riqualificazione edilizia con la realizzazione di due palazzine residenziali per complessivi 19 alloggi al posto di un vecchio fabbricato. All’angolo con via Marzabotto verrà recuperato e completato un edificio residenziale di ulteriori sei alloggi rimasto incompiuto e a lungo in stato di abbandono. Sarà, inoltre, sistemato anche il viale alberato fino all’incrocio con via Cucchiari.

Il Consiglio comunale, nella seduta di giovedì 25 maggio, ha infatti approvato all’unanimità i permessi di costruire convenzionati e in deroga agli strumenti urbanistici per densità edilizia e altezza per i due interventi a cura della società Safim srl.

Si tratta di un progetto di indubbio interesse pubblico – ha affermato l’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli presentando la delibera – in quanto prevede la riqualificazione urbana di un’area abbandonata da tempo e di un fabbricato incompiuto in evidente degrado, oltre che del viale su cui affacciano i lotti di intervento, con un miglioramento anche dal punto di vista della sicurezza. Le nuove palazzine prevedono inoltre dotazioni come punti di ricarica elettrica per biciclette e auto, infrastrutturazioni importanti che stiamo chiedendo in tutti i nuovi interventi in modo da fornire alle famiglie gli strumenti per poter utilizzare mezzi di mobilità elettrici. Saranno alloggi a libero mercato – ha concluso l’assessora – ma di qualità edilizia importante”.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Modena: via a due interventi di rigenerazione in Viale Moreali.

L’intervento in viale Moreali 245, dopo la demolizione del precedente edificio a destinazione mista produttivo-residenziale, riguarda la realizzazione di due palazzine multipiano unite da un corpo a un piano come elemento di collegamento e la sistemazione di un’area pertinenziale, per una superficie fondiaria di circa 2.400 metri quadrati complessivi. La richiesta è relativa alla conversione della capacità per funzioni produttive in residenziale, a parità di superficie, e all’aumento dell’altezza da tre a quattro piani oltre il piano terra. Le due palazzine saranno realizzate in bioarchitettura in classe energetica A4, verranno dotate di fotovoltaico e altre fonti rinnovabili in grado di soddisfare l’88 per cento del fabbisogno energetico. I 19 appartamenti avranno una superficie utile media di 100 metri quadrati, cantine private e autorimesse dotate di punto ricarica per veicolo elettrico. Saranno presenti spazi condominiali comuni quali una sala polifunzionale convertibile in palestra o sala bimbi e un deposito biciclette con ricarica per bici elettriche. Le aree pertinenziali saranno allestite a verde profondo, con 17 alberature e 16 tipologie di arbusti, verrà inoltre predisposta una vasca di raccolta di acque piovane da utilizzare per innaffiare il verde del contesto.

L’intervento in via Marzabotto prevede la ristrutturazione e il completamento dell’edificio ad angolo con viale Moreali, mai concluso e lasciato in abbandono, con aumento di carico urbanistico (da tre a sei alloggi).

La sistemazione del tratto di strada dall’inizio di viale Moreali fino al primo incrocio, con via Cucchiari, prevede il rafforzamento del verde, con la riqualificazione delle aiuole, la rizollatura e la sostituzione di alcune alberature ammalorate o già rimosse.

È prevista infine la monetizzazione di 13 parcheggi oltre a un contributo straordinario di 220 mila euro.

Intervenendo nel dibattito, Paola Aime (Europa Verde-Verdi) ha espresso condivisione per la proposta: “Voteremo a favore perché è un intervento di rigenerazione”. La consigliera ha poi puntualizzato che si tratta di un progetto importante, rivolto a famiglie con una certa capacità economica: “Parliamo di un’edilizia avanzata – ha detto – di un certo valore economico e che quindi propone una qualità molto alta”.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×