fbpx

“A te e famiglia” di Angelo Campolo vince il bando “L’Italia dei visionari 2023”

Lo spettacolo del regista e attore messinese, scelto tra più di 400 progetti in gara, sarà in scena a Milano e Torino nella nuova stagione 2023/24.

“A te e famiglia” di Angelo Campolo vince il bando “L’Italia dei visionari 2023”.

È risultato tra i vincitori del bando nazionale “L’Italia dei Visionari 2023”, che riunisce un’importante rete di teatri e festival italiani, lo spettacolo “A te e famiglia” firmato dal regista e attore Angelo Campolo insieme a Giulia Drogo (produzione “Daf Project”) che vede in scena oltre allo stesso Campolo la giovane cantautrice vicentina Giorgia Pietribiasi, recente vincitrice del Musicultura 2023.

Più di 400 gli spettacoli di teatro quest’anno in gara da tutta Italia, visionati da giurie composte da spettatori appassionati di tutte le età, coinvolti nella selezione ideata dal regista e drammaturgo Luca Ricci, direttore artistico di Kilowatt Festival, e promossa congiuntamente da CapoTrave / Kilowatt nell’ambito del progetto europeo “Be SpectACTive!”. Un’occasione importante rivolta a compagnie professionali che operano nel teatro contemporaneo, nella danza e nella performing art.

Lo spettacolo di Angelo Campolo sarà in scena a Milano, a gennaio 2024, nella nuova stagione del “Teatro Litta”, e a Torino nel suggestivo spazio di “S. Pietro In Vincoli” per “Fertili Terreni Teatro”.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

“Siamo felici di questo risultato e ringraziamo tutta la giuria che ha creduto nel nostro spettacolo”, commenta il regista, “con particolare riguardo per i tanti ragazzi che lo hanno scelto, premiando credo la leggerezza e l’ironia con cui in scena affrontiamo temi e storie molto delicate”.

“A te e famiglia”, infatti, accompagna il pubblico alla scoperta del mondo della giustizia minorile in Sicilia attraverso un percorso personale che muove dalle esperienze educative realmente avvenute con i ragazzi del programma educativo “Liberi di Scegliere” promosso dal giudice Roberto Di Bella, attuale presidente del Tribunale dei minori di Catania, famoso al grande pubblico grazie ad un film tv RAI diretto da Graziano Diana. Con profonda leggerezza, Campolo rende protagonista di “A te e famiglia” il vissuto della sua esperienza educativa, in modo autentico, sincero, tra errori ed emozioni, delusioni e conquiste. Un racconto in prima persona condiviso occhi negli occhi con il pubblico, all’interno di storie difficili in cerca di riscatto. Una si svolge a Messina, l’altra a Catania, due città dai contesti criminali molto diversi.

“Ciò che mi interessa”, prosegue Campolo, “sia in questo spettacolo che in tutte le progettualità che porto avanti da diversi anni, è provare a coinvolgere il pubblico in una riflessione sulla devianza minorile che rifugga dai pregiudizi e dagli stereotipi narrativi che spesso la accompagnano. I ragazzi oggi sono diversi e sposano una complessità ed una percezione della realtà che va interpretata, non liquidata con giudizi e soluzioni facili. Il pubblico prosegue un processo di scoperta ancora vivo perché fa riferimento a recenti esperienze. Catania, in questo senso è una città simbolo, teatro dell’ultimo progetto svolto con i ragazzi del progetto “L’isola dei Miracoli segreti”. Segnata da un alto tasso di criminalità e dispersione scolastica, ma comunque attraversata dal suo proverbiale “spirito di iniziativa e impresa”, come dimostrano la vitalità dei ragazzi di cui racconto che non hanno nulla dell’immaginate stereotipata dei criminali. Anzi, tutto il contrario”.

Conosciamo la storia di Antonino, del suo carattere complicato e del suo attaccamento alla madre; quella di Teresa, l’educatrice catanese che nel dedicare la vita a questi figli acquisiti mette in crisi il rapporto con il proprio di figlio; quella di Elena, a vent’anni già mamma di due bimbi e vittima di pericolose dinamiche familiari. Percorsi di “messe alla prova” segnati da errori, frustrazioni, ma anche da gioie inaspettate che permettono all’immaginario di vincere sul reale, aprendo lo spazio del possibile in percorsi di vita all’apparenza già segnati.

Prossima tappa del lavoro portato avanti in questi anni da Campolo sarà “96 ore”, una nuova produzione del Teatro Biondo di Palermo in scena dal 22 novembre al 3 dicembre 2023, incentrata sulla vita all’interno dei CPA, strutture poco conosciute in Italia, ideate dallo Stato per offrire ai giovani in arresto un passaggio intermedio di riflessione prima dell’incontro con il giudice.

"A te e famiglia" di Angelo Campolo vince il bando "L'Italia dei visionari 2023".

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×