Milano Fashion Week: La più bella vetrina de La Rinascente è opera di Giusy Sacco

658

Nel weekend di metà giugno dedicato alla Milano Fashion Week anche le vetrine del più bel centro commerciale d’élite, ovvero La Rinascente di Piazza del Duomo, hanno mostrato le collezioni dei brand distribuiti al proprio interno con un forte impatto visual, e per farlo hanno coinvolto la bravura e l’estro di quattro giovani creativi provenienti da altrettanti istituti formativi d’eccellenza.

Il tutto rientrava nel progetto “Windows of talents” realizzato dal marchio Slowear che, in un esclusivo cocktail party aperto a giornalisti, fotografi e buyer, sul groove del sound designer Alessandro Squarzi ha decretato il vincitore della vetrina più bella, dopo che un’attenta giuria, presieduta dal direttore di Style Magazine Alessandro Calascibetta, ha valutato le proposte presentate ricordiamo per i marchi di cui Slowear è official retailer: Incotex, Zanone, Glanshirte Montedoro.

Ad aggiudicarsi la vittoria è stata Giusy Sacco, studentessa dell’Accademia Costume e Moda di Roma che ha interpretato la vetrina della camiceria Glanshirte, giocando con gli abissi e le creature che lo popolano. “Vedere la natura come un nostro cruccio ci dovrebbe farci riflettere” ha commentato emozionata durante la serata che ha avuto luogo ieri al tramonto sulla suggeriva terrazza panoramica collocata al settimo piano de La Rinascente. A lei va il premio di 2500 euro e, non da meno, la possibilità di uno stage formativo nel quartier generale di Slowear vicino Venezia.

Il presidente di Slowear, Roberto Compagno, ha spiegato perché bisogna sostenere ed incentivare questo genere di iniziative: “È fondamentale dare spazio ai nuovi talenti, aiutarli a confrontarsi con la realizzazione delle loro intuizioni. Questa è la terza edizione di un progetto che era nato dal dialogo con Franca Sozzani (la direttrice di Vogue Italia, scomparsa nel 2016, ndr), una donna che aveva grande sensibilità su questo tema. E come in passato abbiamo lasciato i ragazzi completamente liberi di esprimersi. Sono pieni di fantasia e noi diamo loro l’opportunità di “scaricarla a terra”. Ma non sono solo gli studenti a beneficiare di questo incontro: attingere a nuova linfa fa bene a tutto il gruppo” – concludendo con un po’ di emozione – “Che bello vedere la gioia dei ragazzi nel trovarsi di fronte alla loro creatività che prende forma, per molti è la prima volta”.

I creativi che hanno allestito le otto vetrine de La Rinascente di Milano insieme a Giusy Sacco sono stati: Amanda Spångberg dell’Istituto Marangoni di Milano (per Incotex), Chiara Milano dell’Università IUAV di Venezia (per Montedoro) e il duo Aastha Taneja & Soumya Bansal di Domus Academy (per Zanone).

Articolo e foto di Settimio Martire


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...