In Lombardia continuano le selezione di Miss Italia: il 30 giugno tappa alla Polisportiva Mazzoleni

1.536

Domenica 30 giugno in occasione dei festeggiamenti dei 40 anni della Polisportiva Mazzoleni farà tappa presso il centro sportivo in via Ca’ Mondora 1, a Sant’Omobono Terme (BG) il Tour di Miss Italia 2019 dove verrà eletta Miss Polisportiva Mazzoleni.

Le splendide miss sfileranno in abiti da sera e poi gare ed esibizioni varie: le ragazze dovranno affrontare tutto questo in una serata all’insegna della moda, spettacolo e bellezza. Saranno 30 le concorrenti provenienti da tutta la Lombardia che si ritroveranno nel pomeriggio per partecipare al casting e provare ad aggiungersi alle ragazze idonee che arriveranno poco dopo.

Il casting è valido per poter partecipare al Tour di Miss Italia 2019, compresa la selezione che si terrà la sera stessa presso la polisportiva.

La giornata inizierà con le prove, poi il corso di portamento organizzato da Rial Events, a seguire lo shooting fotografico che permetterà al pubblico social di conoscere le aspiranti Miss Polisportiva Mazzoleni.

Special guests della serata le due finaliste bergamasche di questo Tour:

– Melissa Arnoldi, 20 anni di Dalmine, ha l’eterocomia, cioè la particolarità di avere un occhio verde e un occhio azzurro. Lavora in una concessionaria a Bergamo, ama il mondo della moda e ha una forte passione per il canto.

– Giorgia Ubbiali, 20 anni di Dalmine, ha studiato al liceo artistico e ora lavora in un negozio in centro a Bergamo. La pallavolo è la sua passione da 9 anni ed è stato lo sport che l’ha aiutata molto nella vita.

Per le ore 20 dopo il trucco e parrucco, a cura dei saloni BE_MUCH, le ragazze cominceranno a mettersi in gioco mentre gli ospiti e il pubblico avranno l’opportunità di assistere allo Spettacolo del Concorso Miss Italia e se vorranno potranno cenare al punto ristoro della Polisportiva.

Saranno sei le ragazze che al termine della selezione verranno premiate e che si aggiudicherà il passaggio alle finali regionali.

Articolo a cura del direttore Lorenzo Chiaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...