fbpx
CAMBIA LINGUA

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

L'annuncio è stato dato al Teatro Comunale di Vicenza

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

La terza edizione del Premio Campiello Junior, nato dalla collaborazione tra la Fondazione Il Campiello, Pirelli e la Fondazione Pirelli, ha decretato i suoi vincitori nel corso di un evento nella Sala del Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza.

Nella categoria 7-10 anni, il premio è stato assegnato a Angelo Petrosino per il libro “Un bambino, una gatta e un cane” (Einaudi EL/Einaudi Ragazzi/Emme Edizioni). Per la categoria 11-14 anni, invece, ha trionfato Daniela Palumbo con il libro “La notte più bella” (PIEMME).

Il Premio investe nel futuro dei giovani con l’obiettivo di promuovere la lettura come strumento pedagogico dal forte valore educativo. Un progetto per riscoprire la bellezza della narrativa italiana dedicata ai più piccoli e un’occasione unica per valorizzare il talento e la capacità di veicolare messaggi importanti attraverso la scrittura ad un pubblico di giovanissimi.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Protagonisti della mattinata sono stati gli autori finalisti delle due categorie in gara e alcuni componenti della Giuria di Selezione del Premio, composta da: Pino Boero, già professore ordinario di Letteratura per l’infanzia dell’Università di Genova e Presidente di Giuria, Chiara Lagani, attrice e drammaturga, Michela Possamai, docente presso l’Università IUSVE di Venezia, già membro del Comitato Tecnico del Campiello Giovani e David Tolin, libraio e membro del direttivo di ALIR.

Sono intervenuti, inoltre, Giacomo Possamai, sindaco di Vicenza, Lara Bisin, Vicepresidente di Confindustria Vicenza, Enrico Carraro, presidente della Fondazione Il Campiello e Antonio Calabrò, direttore della Fondazione Pirelli. In sala erano presenti anche l’assessore alla cultura, al turismo e all’attrattività della città Ilaria Fantin e l’assessore all’istruzione Giovanni Selmo.

«E’ stato un piacere e un onore ospitare il premio Campiello Junior a Vicenza – ha commentato il sindaco Giacomo Possamai -. Mi congratulo con i vincitori che con i loro libri doneranno momenti di gioia e di riflessione ai giovani lettori. L’evento di oggi è stato particolarmente apprezzato dalle classi presenti che hanno partecipato con entusiasmo. Mi auguro che per loro sia stata un’occasione di avvicinarsi ancor di più alla lettura, magari scegliendo proprio i libri finalisti che sono stati presentati dai sei autori presenti in sala al Ridotto del Comunale. L’obiettivo con Fondazione Il Campiello, con Pirelli, con Confindustria è di rendere Vicenza la sede stabile del Campiello Junior e stiamo lavorando insieme proprio per raggiungere questo obiettivo. E’ nostra intenzione continuare a promuovere la cultura e in modo particolare dare una spinta alla lettura e alla voglia di leggere nelle giovani generazioni perché riteniamo sia un aspetto fondamentale per la loro formazione».

Enrico Carraro, presidente della Fondazione il Campiello ha dichiarato: «Il Campiello Junior rappresenta un altro importante tassello nella filiera di divulgazione della cultura di cui il Premio si occupa da sempre. Un progetto che rinsalda il legame tra mondo imprenditoriale e cultura, investendo nella formazione dei bambini e dei ragazzi, le future generazioni di cittadini. La città di Vicenza ha accolto con grande entusiasmo la finale di questa edizione fornendo un contesto affascinante grazie al suo patrimonio artistico e culturale. Ringrazio Pirelli e Fondazione Pirelli per la sempre preziosa collaborazione nella realizzazione di questo riconoscimento che valorizza chi, con il talento e la creatività, si occupa anche della formazione dei nostri figli».

Pino Boero, presidente della Giuria di Selezione, ha aggiunto: «L’ottima qualità dei testi presentati e ammessi alla selezione dimostra l’acquisita autorevolezza del Premio e indica ancora una volta le potenzialità della letteratura per l’infanzia e l’adolescenza: divertire ed educare nello stesso tempo non è una contraddizione ma è una possibilità perché nei libri fantasia e razionalità viaggiano insieme; di questo si sono accorti i giovani giurati che hanno svolto con piacere e intelligenza l’impegnativo compito della scelta dei vincitori e hanno confermato che l’attenzione e il coinvolgimento delle giovani generazioni voluto da Fondazione Il Campiello, Pirelli e Fondazione Pirelli è la scelta giusta, capace di guardare al futuro».

Antonio Calabrò, direttore della Fondazione Pirelli ha concluso: «L’impegno comune del Premio Campiello e della Fondazione Pirelli va avanti. Si rafforza e trova nuovi spazi e più solide occasioni di coinvolgimento di territori e scuola, come indica la presenza a Vicenza, grazie all’impegno del sindaco e del Comune, che ringraziamo di cuore. Stimolare la scrittura di buoni libri per bambine e bambini e favorire la lettura fin dalle prime classi della scuola elementare significa fare crescere la sensibilità per la fantasia, l’avventura, il viaggio di scoperta. Aiutare a vivere nuove storie, appassionarsi a nuovi personaggi. Porre le basi, insomma, attraverso il piacere delle parole ben scritte, per una migliore convivenza civile e un intreccio più equilibrato di relazioni culturali e sociali».

I libri premiati hanno ottenuto rispettivamente 67 voti su 112 e 75 su 113 (di cui 1 bianca) espressi dalle due Giurie Popolari dedicate, ciascuna composta da 120 ragazzi provenienti da tutte le Regioni d’Italia e dall’estero grazie alla collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e delle Cooperazione Internazionale. Ad avere l’ultima parola sulla scelta dei vincitori sono stati, quindi, i ragazzi dell’ultimo anno delle scuole primarie per la categoria 7-10 anni e del triennio delle scuole secondarie di primo grado per la categoria 11-14 anni.

Al secondo posto per la categoria 7-10 anni, si è classificato Fabrizio Silei “Il Grande Discorso di Cocco Tartaglia” (Emme Edizioni) con 25 voti, al terzo posto Elisa Ruotolo “Il lungo inverno di Ugo SInger” (Bompiani) con 20 voti.
Per la categoria 11-14 anni, invece, Alice Keller con il libro “Fuori è quasi buio” (Risma Editore) si aggiudica 22 voti, mentre Andrea Molesini con il libro “Storia del pirata col mal di denti e del drago senza fuoco ” (HarperCollins Italia) ne ottiene 15.

La finale, condotta da Valentina De Poli, per undici anni direttrice di Topolino, insieme all’autore e regista Davide Stefanato, è stata accompagnata dalle letture dell’attore Piergiorgio Piccoli.

Alla mattinata a teatro hanno partecipato alcune scuole di Vicenza – l’Istituto comprensivo 5, con la scuola secondaria di secondo grado Giuriolo, e l’8, con la scuola secondaria di primo grado Ghirotti, la Fondazione Levis Plona, -, l’Istituto comprensivo 2 Marco Polo di Montecchio Maggiore, la scuola primaria Opla Scs di Padova.

I vincitori saranno celebrati sabato 21 settembre durante la Cerimonia di Premiazione del Campiello 2024 che si terrà al Teatro La Fenice di Venezia.

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

 

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

 

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

 

Vicenza: Angelo Petrosino e Daniela Palumbo vincono la terza edizione del Campiello junior

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×