Varese, l’orchestra barocca “Il Pomo d’oro” e il violoncellista Giovanni Sollima in concerto alla Basilica di San Vittore

L'appuntamento è per il 16 febbraio

Varese, l’orchestra barocca “Il Pomo d’oro” e il violoncellista Giovanni Sollima in concerto alla Basilica di San Vittore.

Talenti della scena musicale nazionale e internazionale, alta qualità delle proposte, spazio più capiente grazie alla disponibilità della Basilica di San Vittore: sono questi gli ingredienti della Stagione Musicale del Comune di Varese, che registra una crescita di pubblico rispetto alle precedenti edizioni, nonostante le difficoltà dell’emergenza sanitaria.

Nei primi quattro appuntamenti la stagione sinfonica, alla sua 23esima edizione, ha accolto nella Basilica di San Vittore un totale di quasi 1200 persone, tra cui anche molti giovani tra i 9 e 25 anni, grazie alla partecipazione di licei e scuole musicali del territorio,come il Liceo musicale Manzoni e il Malipiero, ma anche scuole più piccole da sempre attente alle proposte del cartellone varesino.

Un aumento di pubblico legato all’alta qualità della proposta musicale, con interpreti apprezzati a livello nazionale e internazionale, come il Trio di Parma, Isabelle Faust, Emmanuel Pahud o Giovanni Sollima, e grazie alla maggiore capienza della Basilica di San Vittore, che nel rispetto delle normative di sicurezza previste accoglie fino a 300 persone.

“La Stagione Musicale del Comune di Varese da più di vent’anni porta in città solo interpreti di qualità – spiega Fabio Sartorelli, coordinatore della stagione sinfonica comunale – come Sollima, un violoncellista e compositore tra i più talentuosi, uno degli artisti italiani più eseguiti al mondo, in grado di coinvolgere il pubblico con performance uniche. Ma hanno colpito per l’altissima qualità interpretativa ed emozionato molto il pubblico anche i concerti che hanno visto la partecipazione dei giovani musicisti che compongono l’Orchestra del Conservatorio di Milano”.

“I concerti della stagione sinfonica sono un appuntamento molto atteso – dichiara l’assessore alla Cultura Enzo Laforgia – Mi fa piacere che la proposta musicale, che attinge al repertorio classico, riesca ad interessare e appassionare non solo un pubblico crescente di fedelissimi ma anche molti ragazzi e ragazze”.

Tutti i dettagli:

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...