Padova, torna la quarta edizione di Odeo days

Spettacoli, incontri, studi e progetti speciali per celebrare gli 800 anni dell'Ateneo patavino

Padova, torna la quarta edizione di Odeo days

 

Torna in uno dei palchi più speciali di Padova, la quarta edizione di Odeo days, rassegna teatrale voluta dall’Assessorato alla Cultura di Padova, con la partecipazione dell’Università degli Studi di Padova in occasione degli 800 anni” organizzata da Teatro Boxer in collaborazione con Mataz Teatro.

La rassegna, con la direzione artistica di Andrea Pennacchi, che quest’anno vede al suo fianco due giovani organizzatrici – Marialaura Maritan e Giulia Artusi – si svolgerà dal 7 al 11 settembre 2022 presso l’Odeo Cornaro, splendido edificio fatto costruire insieme alla vicina Loggia da Alvise Cornaro nel Rinascimento per ospitare le commedie di Angelo Beolco detto Ruzzante.

Sul palco spettacoli, incontri, studi e progetti speciali per celebrare gli 800 anni dell’Ateneo patavino.

Si comincia il 7 settembre, ore 21.15 con LA CELLA DI SETA scritto da Marco Gnaccolini e Alberto Rizzi diretto da Alberto Rizzi con Francesco Gerardi, musiche dal vivo di Giorgio Gobbo per una speciale coproduzione tra Ippogriffo e Teatro Boxer.

Siamo nel 1289 d.C. Una cella delle carceri di Genova. Ci sono Rustichello da Pisa, scrittore denigrato dalla famiglia e dalla critica del suo tempo, e un capitano di galea veneziano che, durante la notte in preda dalla febbre, parla nel sonno raccontando di un viaggio in magnifiche terre sconosciute e lontane, incontrando creature mai viste prime e tante altre meraviglie: quel militare veneziano che delira tremebondo altri non è che il narratore orale del “più grande viaggio di tutti i tempi”, Marco Polo.

Rustichello, ascoltando quelle magiche parole mai udite prima, si ritrova così a viaggiare da fermo e, dalla sua situazione costrittiva, si spinge oltre le mura della prigione facendosi trasportare dai racconti immaginifici del capitano Polo.

Comincia così a trascrivere e annotare le strane parole del suo compagno, diventando una sorta di “notaio del fantastico”, trovandosi sotto agli occhi il componimento frammentato di una storia incredibile: ma quel veneziano, ha realmente vissuto quell’avventura o l’ha soltanto immaginata?

Attraverso la storia di Rustichello si arriva a conoscere anche quello che potremmo chiamare il prequel o “storia della genesi” di uno dei libri più meravigliosi della Storia, il Milione di Marco Polo, che ha trovato proprio in quello scrittore fallito di Pisa il miglior “compagno di viaggio” per la sua avventura, che scrivendola su fogli di fortuna l’ha raccolta durante la loro lunga prigionia salvandola così dall’oblio della dimenticanza.

Giovedì 8 settembre, ore 21.15 l’appuntamento sarà con DELITTI E CASTIGHI, una serata tutta dedicata alla letteratura, sul palco dell’ Odeo saranno invitati Lia Celi e Paolo Nori e Santangelo in un dialogo alla scoperta dei delitti, delle colpe e dei castighi – di fantasia o meno – che partono dal Rinascimento fino ad arrivare ai personaggi della letteratura russa.

Con la guida libera e curiosa di Andrea Pennacchi, i tre autori, in un confronto stimolante e ricco di spunti, che andranno a toccare anche i modi in cui lo scrittore stesso racconta, converseranno su alcune delle loro produzioni letterarie come ”Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostojevskij” (Nori, 2021) o ” L’eredità dei Borgia. Una nuova indagine di Marco Pellegrini” (Celi – Santangelo, 2021) mettendo al centro l’essere umano di ieri e quello di oggi. L’ingresso sarà libero su prenotazione.

Venerdì 9 settembre, ore 21.15 LEAR, RE DEI CAPANNONI un primo studio per un nuovo spettacolo in cui l’adattamento e regia di Andrea Pennacchi, con Evarossella Biolo, Marco Artusi, Beatrice Niero e Claudia Bellemo, aiuto regia Marco Artusi, assistente alla regia Nicola Perin. Produzione di Matàz Teatro, Febo Teatro, Dedalofurioso.

Shakespeare era un maestro nel trovare testi archetipici e plasmarli per parlare meglio al suo pubblico; il Lear è, da questo punto di vista, paradigmatico: nelle mani del Bardo diviene un testo che rispecchia le tensioni e le paure dell’Inghilterra post-elisabettiana, assediata da guerra ed epidemia. La successione al potere aveva sempre scatenato guerre intestine e calamità nel passato, il periodo di relativa pace e sicurezza sembrava volgere al termine, e il pubblico inglese guardava ai mutamenti con grande apprensione.

Con la stessa apprensione guardano gli italiani, i veneti in particolare, ai mutamenti in atto: con la crisi deraglia il mito della locomotiva d’Italia, la piccola impresa si scopre microscopica nel contesto dell’economia globale, e le grandi fortune di alcuni gruppi sono messe in discussione dalle sfide mondiali e della successione al comando: le vecchie strutture familiari, il clan, non sembrano essere in grado di affrontare tutto questo.

È in questo senso che diviene interessante l’elaborazione di un testo che, a partire dalla solida struttura offerta dal Lear shakesperiano, indaghi i mutamenti in corso nella nostra regione (per meglio sfruttare la conoscenza del genius loci), che sono, di fatto, universali.

L’eredità dei “veci”, il passaggio di consegne alle forze nuove, il patriarcato e le ambizioni delle donne, lo scontro di mentalità: l’etica del lavoro a oltranza e del sacrificio nell’era della suscettibilità; c’era già tutto, in Shakespeare, a noi ripulirlo della polvere del tempo e mostrarne il nucleo radiante.

Sabato 10 settembre, ore 21.15 MISTERO BUFFO di Dario Fo e Franca Rame con Matthias Martelli, per le regia di Eugenio Allegri, prodotto dal Teatro Stabile di Torino e Art Quarium. Produzione esecutiva 2021-2022 ENFI TEATRO.

Mistero Buffo è considerato il capolavoro di Dario Fo. Eugenio Allegri dirige Matthias Martelli nella riproposizione di quest’opera straordinaria: l’attore è solo in scena, senza trucchi, con l’intento di coinvolgere il pubblico nell’azione drammatica, passando in un lampo dal lazzo comico alla poesia, fino alla tragedia umana e sociale.

Un linguaggio e un’interpretazione nuova e originale, nel segno della tradizione di un genere usato dai giullari medievali per capovolgere l’ideologia trionfante del tempo dimostrandone l’infondatezza.

A chiusura della rassegna domenica 11 settembre, 21.15 A PADOVA SONO VENUTO, COME CHI LASCIA UNO STAGNO PER TUFFARSI NEL MARE Storie di studenti e studentesse nei secoli, a cura di Andrea Pennacchi, Cristina La Rocca, Giulia Zornettai n collaborazione con Lorenzo Maragoni, con Giulia Briata e Lorenzo Maragoni, musiche dal vivo di Giorgio Gobbo.

Nato per la presentazione del Database Bo2022 in cui sono raccolti più di 50.000 nominativi di laureati a Padova dal 1222 al 1989, con i loro luoghi di provenienza in Italia, in Europa e nel mondo, il reading scritto a quattro mani da Andrea Pennacchi e Lorenzo Maragoni, racconta la variegata comunità degli uomini e delle donne che hanno studiato a Padova e il loro incontro come una fase determinante del loro futuro intellettuale e professionale.

Una riflessione, a tratti autobiografica, del mondo dello studente di ieri e di oggi, sulla vita dei giovani di Padova e di come lo studio universitario ha cambiato e può cambiare le loro vite.

I biglietti – intero 15,10 e 5, con ridotti per studenti, saranno acquistabili online (ACQUISTA ONLINE I BIGLIETTI).

L’incontro letterario sarà ad accesso gratuito, consigliata la prenotazione.

Per informazioni VISITA IL SITO oppure scrivi a [email protected]

Padova, torna la quarta edizione di Odeo days

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...