Livorno, “Talk show & ‘hot’ jazz”: il 28 luglio Giorgio Bracardi a 88 anni a Villa Trossi

Livorno, mercoledì 28 luglio alle ore 21,30 la platea di Villa Trossi (Via Razzia, 76 a Livorno) sarà travolta dalla verve dirompente di Giorgio Bracardi che, arrivato agli 88 anni, sfoggia la voce e l’energia di sempre.

Bracardi è un artista vulcanico che ha fatto la storia dell’umorismo alla radio e in televisione, fra “Alto Gradimento” e “Quelli della notte”. Personaggio pazzo, immarcabile, unico, irresistibile, se non anche pericoloso, Bracardi ha dato vita a sketches indimenticabili dove smorfie, pernacchie, tic e invenzioni hanno fatto ridere e riflettere generazioni di ascoltatori e spettatori.

Figlio d’arte (suo mio padre negli anni ’30 gestiva il Salone Margherita, poi Bagaglino purtroppo chiuso alla fine del 2020), Bracardi cresce in una famiglia dove spettacolo e musica erano pane quotidiano. Tutti ricordiamo i baffoni di Franco, fratello di Giorgio, al piano del Maurizio Costanzo Show. Giovanissimo, Bracardi parte in tournée come pianista in Australia, in Europa e poi in America del Sud. In un tour spagnolo, ospite in una trasmissione a Barcellona, esordì con uno dei suoi personaggi più famosi: Scarpantibus, immaginario uccellaccio preistorico catturato nel deserto del Nicaragua. Suoni gutturali, squittii, rumori: successo strepitoso che fece chiamare Giorgio a Roma dove la sua ruggente comicità salvò dalla chiusura “Alto gradimento”, programma di musica condotto da Gianni Boncompagni e Renzo Arbore. Scarpantibus aprì una serie infinita di personaggi, un caravanserraglio che presto determinò il successo di Bracardi anche in tivù con “Quelli della notte”.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

A Villa Trossi racconterà la sua rocambolesca vita e un modo dello spettacolo che oggi non c’è più e di cui Giorgio Bracardi è un eccezionale testimone. Certamente non mancheranno sorprese e improvvisazioni perché quando Giorgio si mette al piano non sai cosa succederà. Conducono la serata (o almeno ci proveranno!) Giuliano Chiarello e Marco Chiappini.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...