fbpx

Inaugurato presepe al piano terra del palazzo di regione Liguria

7 dicembre

Inaugurato presepe al piano terra del palazzo di regione Liguria

GENOVA. Quello allestito quest’anno al piano terra del Palazzo di Regione Liguria è un presepe in terracotta smaltata realizzato da Antonio Tambuscio, artista savonese attivo a cavallo tra la fine dell’800 e i primi decenni del ‘900. Si tratta di una natività di inizio ‘900 composta da 41 elementi di terracotta smaltata policroma, messa a disposizione grazie alla collaborazione con Fondazione Carige. L’allestimento è stato realizzato dall’Accademia ligustica di belle arti.

L’autore, insieme con il fratello Francesco, fu titolare della manifattura Fratelli Tambuscio, costituita intorno alla fine del XIX secolo. Dal 1916 Antonio Tambuscio, dopo la scomparsa della figlia Emanuela, si dedicò quasi esclusivamente all’arte presepiale.
La sua produzione di figure da presepe fu molto ampia: le sue statuine si distinguono per essere modellato con finezza e per la caratterizzazione popolaresca dei personaggi.

I personaggi maschili portano ampie casacche o giacchette più aderenti, brache larghe, alla caviglia, o calzoni corti, al ginocchio. In testa portano cappelli neri a tesa larga o berretti flosci rossi e neri o berretti foderati di pelliccia.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Le figure femminili indossano corte casacchine o bustini dotati di bottoni o nastri, camicette arricciate, lunghe gonne e ampi grembiuli, con o senza tasche.

L’inaugurazione si è svolta oggi pomeriggio alla presenza del presidente e assessore alla Cultura della Regione Liguria Giovanni Toti, del sindaco di Genova Marco Bucci, di don Carlo Parodi, di Andrea Rivellini in rappresentanza della Fondazione Carige e del conservatore del Museo dell’Accademia ligustica di belle arti Giulio Sommariva.

“Quello del presepe è un’arte che ha un fortissimo legame con la Liguria – commenta il presidente e assessore alla Cultura della Regione Liguria Giovanni Toti – la rappresentazione della natività è un elemento molto sentito e diffuso: il nostro territorio storicamente ha sempre vantato, dalla scuola del Maragliano in avanti, una tradizione di artisti e botteghe che hanno fatto del presepe genovese uno dei più rinomati, artisticamente rilevanti, conosciuti e riconosciuti a livello nazionale. Regione Liguria vuole in questo modo onorare e celebrare questa storia plurisecolare e dare il via alle festività: per quest’anno, a differenza di quanto avvenuto nelle passate edizioni, esponiamo un presepe contemporaneo, di inizio ‘900, realizzato con uno stile popolare e, sicuramente, diverso da quello a cui siamo abituati”.

“La tradizione del presepe a Genova e in Liguria è una grande ricchezza sotto il profilo storico, artistico e culturale – spiega monsignor Marco Tasca, Arcivescovo di Genova – e la rappresentazione esposta quest’anno ci mostra la bellezza della Natività con gli occhi di chi ha vissuto questa terra un secolo fa. Quest’anno assume ancora di più un significato particolare, infatti proprio 800 anni fa avvenne la prima rappresentazione della Natività nel paese di Greccio ad opera di San Francesco d’Assisi. Davanti a questo presepe e a quelli che visiteremo in questo tempo che ci avvicina a Natale, invito tutti a fermarci per chiedere pace in quelle terre, oggi martoriate, dove più di 2000 anni fa nacque Gesù”.

Inaugurato presepe al piano terra del palazzo di regione Liguria

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×