fbpx
CAMBIA LINGUA

Grosseto, l’8 aprile al Teatro degli Industri c’è “Giorni felici”

Ultimo appuntamento con la Stagione teatrale 2022, ci sono Roberto Abbiati e Monica Demuru

Grosseto, l’8 aprile al Teatro degli Industri c’è “Giorni felici” con Roberto Abbiati e Monica Demuru.

Con “Giorni felici” di Samuel Beckett si conclude la Stagione teatrale 2022 organizzata dal Comune di Grosseto e dalla Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Venerdì 8 aprile alle ore 21 al Teatro degli Industri, Roberto Abbiati e Monica Demuru sono i protagonisti dello spettacolo di Massimiliano Civica, che ha debuttato nel corso di questa stagione.

I biglietti sono disponibili online al botteghino del teatro, che venerdì 8 aprile sarà aperto dalle ore 18.

Giorni felici” racconta la storia di una donna che si trova mezza sepolta dentro una duna di sabbia, inizialmente solo fino al busto, dopo fino al collo. Il marito vive in una cavità del cumulo di sabbia, alle spalle della donna. L’inizio dello spettacolo racconta il risveglio di Winnie al suonar di un campanello. Ogni giorno si sveglia, sorride e dichiara “un altro giorno divino” e inizia ad affrontare una nuova giornata provando a essere felice e a cavarsela, come facciamo tutti. Willie, il marito, anche lui sepolto nella sabbia, ha problemi a muoversi e può al massimo gattonare dolorante per un breve tratto.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Roberto Abbiati e Monica Demuru

La coppia si trova sola nel deserto ed è forse l’unica rimasta in tutto il mondo. L’elemento chiave è la conversazione tra i due innamorati: ogni giorno Winnie si accerta che il marito sia vivo aggrappandosi anche al minimo suo sospiro: perché ogni giorno in più con lui diventa un giorno felice. “Giorni felici” potrebbe essere una commedia all’italiana sulla vita di coppia, raccontata in modo rivoluzionario e geniale da Beckett. Quel monticello di sabbia è il colpo di genio dell’autore, quello che permette agli spettatori di scorgere l’assurdità della commedia dei nostri giorni felici.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×