fbpx

Brindisi, campagna social contro l’abbandono di animali

“Se mi lasci non vale”: il comune intende sensibilizzare tutti i cittadini che hanno a cuore gli animali domestici

Brindisi, campagna contro l’abbandono degli animali domestici.

L’estate è una stagione nera per gli animali domestici. Le stime sull’abbandono nei mesi estivi rivelano numeri impietosi: in media 80.000 gatti e 50.000 cani piantati in asso. Senza dimenticare che più dell’80% dei questi rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti.

Il Comune di Brindisi torna a promuovere la campagna di sensibilizzazione “Se mi lasci non vale”, ricordando ai cittadini l’articolo 727 del Codice Penale (comma 1): “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10mila euro”.

Durante la scorsa estate si è registrato anche un incremento nell’abbandono di altri animali domestici, come conigli e tartarughe. E questo fenomeno è coinciso ancora una volta con il periodo delle ferie estive, quindi nei mesi compresi tra maggio e settembre 2021.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Secondo il rapporto Coop 2020, durante la pandemia, 3,5 milioni di italiani hanno preso con sé un animale da compagnia. Quindi, se da un lato negli ultimi anni si è registrato un numero sempre crescente di persone che prendono in casa un animale domestico, dall’altro sono aumentati anche i casi di abbandono.

E per quanto riguarda gli abbandoni del periodo estivo, le motivazioni principali sono sempre le stesse, ovvero l’incapacità da parte dei padroni nel gestire il proprio animale domestico in occasione dell’assenza da casa per le vacanze.

L’appello del comune di Brindisi è rivolto a tutti i cittadini: scattare una foto con il proprio amico a quattro zampe e pubblicarla sui social con gli hashtag #semilascinonvale #comunedibrindisi.

se mi lasci non vale

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×