fbpx

Bologna: “L’Attesa” al Teatro Arena del Sole il 25 e 26 marzo 2023

In occasione della replica de L’attesa sabato 25 marzo dalle 19.00 Kilowatt - Le Serre dei Giardini conduce Duetto

Bologna: “L’Attesa” al Teatro Arena del Sole il 25 e 26 marzo 2023.

Al Teatro Arena del Sole di Bologna va in scena “L’Attesa” di Michela Cescon, sabato 25 marzo alle 19.00 e domenica 26 marzo alle 16.00. L’attrice e regista fondatrice della compagnia Teatro di Dioniso affida il testo dello scrittore Remo Binosi a due interpreti molto amate dal pubblico, Anna Foglietta e Paola Minaccioni, per la prima volta insieme sul palcoscenico.
Quasi trent’anni dopo la storica messa in scena del 1994, diretta da Cristina Pezzoli, Cescon decide di riproporre il testo di Binosi nella sua prima stesura del 1992, scritta a macchina dall’autore stesso – con una punteggiatura spesso ossessiva dopo ogni singola parola, ogni singolo articolo – e con la dedica nella seconda pagina del dattiloscritto alla moglie Anna, che durante la stesura era incinta.

«Il testo di Binosi – afferma la regista – ha una grande forza drammatica e di coinvolgimento, a cui è difficile rimanere indifferenti e – nonostante l’azione sia ambientata nel ‘700 – i temi e i contenuti trattati sembrano parlare di noi, come se non fosse cambiato nulla: la differenza di classe, il rapporto serva-padrona, il doppio, l’amore, il piacere, la maternità, il peccato, la punizione, il femminile, il male, la morte, la seduzione. Tutto viene raccontato con continui cambi di registro narrativo, tenendo in equilibrio tra loro commedia e dramma».

La nobildonna Cornelia e la sua serva Rosa si ritrovano recluse nella stessa stanza a scontare la vergogna di una gravidanza inaspettata, che la società non intende accettare. La relazione tra le due esprime un dualismo moderno, presente nei personaggi come nella lingua, tra il teatro di Rosa in lingua veneta e la letteratura ricca di immagini e inconscio di Cornelia.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

«L’Attesa è proprio un testo per il palcoscenico – continua la regista –, per gli attori, pieno d’invenzioni molto riuscite. Tutto è raccontato con freschezza e con un erotismo naturale nei confronti della vita e del mondo. Alle due attrici viene richiesta un’adesione fisica ai personaggi totale, e il loro stare in scena diventa molto sensuale, non per un finto gioco di seduzione, ma per la loro immersione nel racconto; un racconto sui corpi femminili, sulla punizione per il desiderio, la punizione di essere donne, sulla maternità, sull’amicizia, sull’amore, sul piacere, sulla lealtà, sulle differenze di classe… due voci femminili che diventano un gran bel punto di vista, per portare in scena il nostro sguardo più personale ed intimo. Il dramma è costruito attorno a due donne che vengono allontanate e rinchiuse per nove mesi per nascondere entrambe una gravidanza. Si racconta una clausura, un’impossibilità ad uscire e mai, come in questi tempi, l’idea teatrale, anche semplice, di chiudere due personaggi all’interno di una stanza diventa vera, reale e sentita. Insieme ai miei collaboratori abbiamo costruito un luogo scenico che rappresenta la mente di Cornelia, il diario su cui lei scrive, dove la chiusura o l’apertura dei muri è metafora di una condizione interna, della vita del cuore; mentre la relazione con l’esterno viene raccontata dalla luce e dal buio, dalle ore del giorno e dai suoni della campagna estiva, e dalla natura prepotente che le circonda».

«Mia moglie era in attesa di nostra figlia Giulia – scriveva l’autore – e io stavo leggendo le memorie di Casanova. Le avventure del grande seduttore si accompagnavano all’esperienza che stavo vivendo, con il procedere della gravidanza il corpo di mia moglie cambiava e insieme cambiava anche il rapporto che lei aveva con sé stessa e con le altre donne. La sentivo parlare con le sue amiche e intessere facilmente discorsi anche con donne molto diverse da lei, si scambiavano emozioni, consigli, paure e speranze. C’era tra loro una corrente di grande energia comunicativa. Proprio a partire da un dato intimo come quello del corpo gravido, le donne costruiscono una rete di confidenza e complicità di cui gli uomini sono assolutamente incapaci. Il maschio mito Casanova con la sua dispersiva sessualità, mi sembrava la prova di questa incapacità, cominciai così a pensare a una storia che mettesse a confronto donne diverse entrambe incinte dello stesso uomo assente».

Remo Binosi (1949-2002), giornalista e scrittore, ha esordito come autore teatrale nel 1992 con il monologo Sognanti interpretato da Rosa Di Lucia. Nel 1994 la sua commedia L’Attesa ottiene il Biglietto d’oro Agis come migliore novità italiana e nel 2000 diventa un film, Rosa e Cornelia, diretto da Giorgio Treves con la sceneggiatura dello stesso Binosi.
Tra i suoi testi per il teatro, ricordiamo Fausta – Peccato d’eternità (1994), La finestra sul ponte – Visione di una battaglia in corso (1995), Il martello del diavolo (1997), La Bovarì sulla bocca di tutti (1998), I cacciatori (1998), Che magnifica serata! (1999), Verde (2001), Betty Vintage (2001), Carambola (2001) e Una relazione privata (2001). Ha inoltre scritto il radiodramma Week-end e per il cinema il cortometraggio diretto da Mauro Balletti Fasten Seat Belts.

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna
Prezzi dei biglietti: da 7 € a 25 € esclusa prevendita
Biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 11.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 19.00
Tel. 051 2910910 – biglietteria@arenadelsole.it | http://bologna.emiliaromagnateatro.com

Vengo anche io!
Laboratori creativi per bambini mentre i grandi sono a teatro
ERT offre la possibilità ai genitori di assistere ad alcuni spettacoli della stagione mentre i bambini (dai 6 ai 12 anni) sono impegnati negli spazi interni al teatro in percorsi creativi a cura di istituzioni e realtà del territorio.

In occasione della replica de L’attesa sabato 25 marzo dalle 19.00 Kilowatt – Le Serre dei Giardini conduce Duetto – laboratorio creativo con materiali naturali e di recupero sul tema del “doppio” attraverso il concetto delle “due facce della stessa medaglia”. I partecipanti faranno esperienza concreta del dualismo insito in tutti gli aspetti della vita dove gli opposti non si escludono, anzi si esaltano e compensano. Un albo illustrato accompagnerà, il percorso per creare un’atmosfera creativa che non conosce barriere di genere.

Il costo di ogni appuntamento è di 7 € per bambino (10 € per due bambini), oltre al prezzo del biglietto ridotto del 20% per i genitori. Disponibilità limitata fino a esaurimento posti.
Prenotazione obbligatoria: tel 051-2910950 | 347 167 1833 email ufficioscuola@arenadelsole.it

Bologna: “L’Attesa” al Teatro Arena del Sole il 25 e 26 marzo 2023

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×