fbpx

Bologna, il sindaco Lepore ha consegnato la Turrita d’argento ad Andrea Mingardi

Andrea Mingardi e Bologna: un connubio perfetto, quasi una simbiosi

Bologna, il sindaco Lepore ha consegnato la Turrita d’argento ad Andrea Mingardi.

Giovedì pomeriggio, nella Piazza coperta di Salaborsa, il sindaco Matteo Lepore ha consegnato la Turrita d’Argento ad Andrea Mingardi.

Di seguito le motivazioni del conferimento lette dalla delegata alla Cultura, Elena Di Gioia:

Andrea Mingardi ha sempre regalato alla città il suo talento multiforme con grande generosità, con una capacità peculiare di farsi mediatore di linguaggi e di stili. Una presenza costante, capace di attraversare e unire le generazioni e i generi musicali. Ogni bolognese ha un ricordo legato ad una sua canzone, ad un suo concerto, ad una manifestazione culturale da lui promossa.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Mingardi ha dato un importante contributo a Bologna, Città creativa della Musica Unesco. (…) Per queste motivazioni il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Bologna conferiscono ad Andrea Mingardi, amico della città di Bologna, la Turrita d’argento”.

Andrea Mingardi, nasce a Bologna nel 1940, frequenta il Liceo scientifico Augusto Righi e inizia la propria carriera come batterista, finché non viene folgorato dal rock and roll, già alla fine del 1959 è leader dei Golden Rock Boys, uno dei primi gruppi rock in Italia in assoluto.

Il debutto discografico avviene nel 1963 e nello stesso anno entra come cantante nella Rheno Jazz Gang. È il periodo della Bologna che di notte intesseva una trama fitta e preziosa di balere attraversate dalla presenza dei musicisti e dei tanti che ballavano. Come Mingardi ricorda spesso, le sale da ballo grazie al rapporto diretto con chi balla, erano luoghi di sperimentazione musicale dove tutta la scuola bolognese dei musicisti si è fatta le ossa.

Mingardi dalla metà degli anni settanta inizia a comporre canzoni in dialetto bolognese dal contenuto ironico e divertente, con influenze musicali funky e blues, che gli daranno grande visibilità e successo. Nel 1976 ottiene un buon successo di vendite con il nuovo gruppo Supercircus con la canzone “Datemi della musica”, anni dopo riproposta da Mina. Partecipa a varie tappe del Festivalbar, compresa la finale all’Arena di Verona, con il brano “Un boa nella canoa”.

Debutta al Festival di Sanremo nel 1992 con “Con un amico vicino”, assieme ad Alessandro Bono e vi ritorna altre tre volte nel 1993 con “Sogno”, l’anno dopo con “Amare amare”, nel 1998 con “Canto per te” e nel 2004 assieme alla Blues Brothers Band con “È la musica”. Mingardi collabora con grandi artisti: da Morandi a Feliciano, da Picket a Dalla fino a Mina.

Con quest’ultima, nel 2006, duetterà nella canzone “Mogol e Battisti” a cui seguirà un’importante collaborazione cantautorale, di Mingardi la canzone “Amiche mai” interpretata da Mina e Ornella Vanoni.

Alla lunga carriera di cantante e cantautore si aggiunge anche quella di scrittore, con undici libri all’attivo. In prima fila nell’impegno solidale, è tra i fondatori della Nazionale cantanti e grande tifoso del Bologna Ha arricchito la sua carriera di tantissime collaborazioni, musicisti, cantanti, tanti rapporti fecondi e duraturi.

Andrea Mingardi e Bologna: un connubio perfetto, quasi una simbiosi.

bologna

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×