Bologna, Do we need a new compass? A Bologna il primo concerto del progetto europeo di musica contemporanea

Il 10 marzo al Centro di Ricerca Musicale / Teatro San Leonardo la prima assoluta con FontanaMIXensemble, Birmingham Contemporary Music Group e Das Neue Ensemble

Bologna, Do we need a new compass? A Bologna il primo concerto del progetto europeo di musica contemporanea.

Do we need a new compass? è un progetto internazionale di musica contemporanea, che coinvolge le città di Bologna, Birmingham e Hannover, a cui FontanaMIXensemble partecipa anche grazie al contributo del Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna.

Do we need a new compass?, nel suo porre una domanda di carattere filosofico nell’universo della creazione musicale contemporanea, vuole fare il punto sul complesso e molteplice panorama attuale. E lo fa attraverso un virtuoso scambio culturale e una rete fra tre ensemble di musica contemporanea provenienti da tre città europee, due delle quali (Bologna e Hannover) riconosciute UNESCO Creative City of Music. Ogni ensemble suonerà nelle tre città; gli ensemble partecipanti al progetto sono il FontanaMIXensemble, il Birmingham Contemporary Music Group e il Das Neue Ensemble. Questi tre gruppi hanno tutti una lunga storia di impegno nel campo della musica contemporanea e rappresentano importanti realtà artistiche nell’ambito della sperimentazione e innovazione di nuovi linguaggi musicali, non solo nelle rispettive città ma in un contesto internazionale.

Il primo concerto si terrà a Bologna Giovedì 10 Marzo 2022 presso il Teatro San Leonardo, in una maratona nella quale si esibiranno tutti e tre gli ensemble durante una stessa serata, alla ricerca di una condivisione musicale e all’indagine simbolica e condivisa di capire verso dove sta andando la musica contemporanea in un mondo sempre più frammentato e di difficile lettura. Sabato 12 Marzo 2022 sarà il turno del Birmingham Contemporary Music Group e Das Neue Ensemble di esibirsi presso lo Sprengel Museum di Hannover dove invece Domenica 13 Marzo 2022 si esibirà il FontanaMIXensemble insieme al Das Neue Ensemble.

Con questo progetto, e grazie al sostegno della prestigiosa Ernst von Siemens Music Foundation, il FontanaMIXensemble ha commissionato la composizione di sette opere inedite. Ogni ensemble ha dunque proposto giovani compositori del proprio paese o legati in qualche modo all’attività del proprio ensemble: il Birmingham Contemporary Music Group ha proposto le giovani compositrici Lucy Armstrong (Regno Unito), Chia-Ying Lin (Taiwan), e Carmel Smickersgill (Regno Unito); il Das Neue Ensemble di Hannover ha proposto Katharina Roth (Germania) e Kaspar Querfurth (Germania); il FontanaMIXensemble ha proposto Andrea Sarto (Italia) e Daniele Ghisi (Italia).

L’obiettivo è quello di favorire una maggiore circolazione culturale della musica dei giovani compositori di oggi; ciascuno dei tre ensemble suonerà quindi in tutte e tre le città, con un programma composto da due delle nuove composizioni commissionate (ad eccezione del Birmingham Contemporary Music Group, che eseguirà anche l’opera di Carmel Smickergill) e altre opere selezionate dal repertorio di musica contemporanea. Per tutte le composizioni commissionate è stato stabilito un organico comune sulla base della strumentazione del Pierrot Lunaire di Arnold Schönberg, più uno o due strumenti scelti dai direttori artistici di ogni rispettivo ensemble.

I compositori sono artisti giovanissimi, tutti con background e approcci creativi molto diversi. Poiché tutti e tre gli ensemble coinvolti nel progetto considerano l’uguaglianza di genere una sfida nel campo musicale e riconoscono che le donne svolgono ancora un ruolo sproporzionato nella sfera della composizione, è stato deciso di affidare oltre il 50% delle commissioni a giovani donne che hanno lavorato attivamente in questa disciplina artistica.
A questo link è possibile vedere le interviste realizzate ai compositori commissionati
https://www.youtube.com/playlist?list=PLFJhnVp8ex8uM59jgFVNGwGSC0ZX-f97j

Un’altra delle caratteristiche principali di questo progetto è che due delle tre città coinvolte sono Città della Musica UNESCO, un programma che crea una rete per incoraggiare la cooperazione tra le città membri. Bologna è stata nominata nel 2006 e Hannover nel 2009. Entrambe le città da allora hanno sviluppato questa appartenenza in modi diversi, promuovendo e incoraggiando un più ampio accesso alla produzione e al consumo musicale. Nel caso particolare di Bologna, all’ensemble FontanaMIX è stato concesso un contributo da Bologna City of Music nel 2013 e nel 2017 per una collaborazione con l’Acroche Note Ensemble di Strasburgo (Francia), nel 2016 per una tourneé a Mälmo (Svezia), e nel 2017 per un concerto a Salonicco (Grecia). In tutte queste occasioni, l’ensemble FontanaMIX ha rappresentato con successo la città di Bologna all’estero.

Il progetto Do we need a new compass? è realizzato grazie al contributo del Comune di Bologna, Illumia S.p.A, e della Ernst von Siemens Music Foundation.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...