PMI, tra analisi dei fornitori e strategie di marketing: 4 mosse per superare i competitor

PMI, tra analisi dei fornitori e strategie di marketing: 4 mosse per superare i competitor.

 

La concorrenza è il sale di ogni attività. Ogni imprenditore deve fare i conti con i competitor, sia per quanto riguarda la fornitura di prodotti che di servizi. L’attenzione nei confronti della concorrenza funge, senza dubbio, anche da stimolo per qualsiasi azienda per migliorare e crescere ogni giorno.

 

Come superare i competitor

 

Per qualsiasi imprenditore l’analisi dei competitor è fondamentale, così come lo è un’accurata analisi del flusso storico della spesa dell’azienda. Esistono due tipologie di competitor: i diretti, che sono coloro che forniscono lo stesso prodotto, e gli indiretti, quelli cioè che soddisfano uno stesso bisogno con prodotti diversi. Bisogna quindi individuare i prodotti o i servizi che commercializzano, a che prezzo, le strategie di marketing, quanto sono attivi sui social. Una volta raccolte queste informazioni, i dati vanno analizzati mettendoli a confronto con quelli della propria azienda attraverso una tabella di Benchmark, oppure usando dei grafici cartesiani. Esistono diverse metodologie, ma è utile approfondire l’analisi dei competitor almeno una volta l’anno.

 

La scelta dei fornitori è un altro tassello determinante, perché un fornitore sbagliato porta a danni economici e d’immagine. Intanto, sarebbe opportuno scegliere il prezzo giusto sulla base della media proposta dai vari fornitori: un prezzo basso può essere indice di scarsa qualità dei prodotti, quello troppo alto nascondere una strategia commerciale ingannevole. Scegliere un fornitore preciso nelle questioni amministrative aiuta il proprio reparto, che potrà lavorare in maniera più fluida e tranquilla, e concentrarsi sulla rivendita dei prodotti. Per poter operare la scelta migliore, esistono dei servizi specializzati che consentono di reperire informazioni su aziende e forniscono un quadro preciso dello stato economico, finanziario e societario.

 

Sul fronte clientela, è importante tenere d’occhio le recensioni. Esistono piattaforme di valutazione individuali per raccogliere le opinioni dei clienti in vari settori: turismo, ristorazione e servizi. Questa tipologia di portali finisce per avere un’influenza sul pubblico dei consumatori che si fa un’idea su un determinato marchio o prodotto. Diventa chiara l’importanza dei portali di recensioni per le aziende, che possono così misurare la soddisfazione dei clienti e determinare la propria reputazione online. Una buona reputazione, infatti, può garantire una fidelizzazione a lungo termine, e generare un passaparola utile per i prodotti, il marchio o i servizi. Inoltre, l’azienda si fa un’idea sulle potenziali opportunità di miglioramento per offrire sempre un’esperienza migliore al cliente.

 

Decisivo è il marketing, cioè quella parte dell’azienda che si occupa di analizzare le necessità e le richieste dei clienti, in modo da fidelizzarli. Lo scopo è aumentare la soddisfazione del cliente. In sostanza, va instaurata una relazione col pubblico. Quella diretta prevede il rapporto umano, quella indiretta l’utilizzo dei mezzi digitali e dei social, sia dell’azienda stessa che dei suoi dipedenti. Il marketing non è solo strategie, numeri e statistiche, ma anche inventiva e creatività per poter andare incontro alle varie esigenze della clientela.

PMI, tra analisi dei fornitori e strategie di marketing 4 mosse per superare i competitor

Commenti
Loading...