Alba, furti in case e aziende agricole in Alta Langa: due arresti

I furti tutti perpetrati con le medesime modalità criminose

Alba (Cuneo), furti in case e aziende agricole in Alta Langa: due arresti.

Dallo scorso mese di aprile, le Stazioni della Compagnia Carabinieri di Alba hanno ricevuto numerose denunce di furto in abitazione ed in aziende agricole, registrando una recrudescenza di questo fenomeno micro-criminale in località normalmente tranquille e caratterizzate da un elevato controllo di vicinato e da una buona collaborazione con le forze di polizia.

Le costanti attività di controllo del territorio e di scambio informativo con la popolazione hanno permesso ai militari di individuare due fratelli residenti nel braidese quali probabili autori dei furti e di arrestarli in flagranza di reato in occasione di un’incursione in un’abitazione.  In quella circostanza i due non sono passati inosservati ad un vicino, che aveva notato due estranei entrare in quella casa utilizzata dai proprietari come dimora di villeggiatura, ed aveva avvisato immediatamente i Carabinieri.

Una pattuglia di militari intervenuta altrettanto celermente, riusciva a bloccare i due che erano ancora intenti a rovistare l’appartamento. I successivi accertamenti permettevano di rinvenire nella loro disponibilità altri oggetti che da subito apparivano di dubbia  provenienza. I carabinieri avviavano un’attività di indagine finalizzata alla ricostruzione degli spostamenti dei giovani, intrecciavano i dati inseriti nelle denunce confrontandoli con la refurtiva rinvenuta, riuscendo a ricostruire una dozzina di episodi ed a restituire gran parte del maltolto ai legittimi proprietari. 

Le rapine

I furti tutti perpetrati con le medesime modalità criminose, ovvero attraverso la manomissione degli infissi posti al pian terreno di abitazioni e di aziende agricole, si sono verificati nei comuni di Albaretto della Torre, Arguello, Cerretto Langhe, Cortemilia, Cravanzana, Sinio e Torre Bormida.

I due topi d’appartamento, incensurati ed originari del torinese, per circa un mese hanno percorso in lungo e in largo la Langa, introducendosi nelle abitazioni più isolate, asportando dal loro interno tutto quanto potesse essergli utile: dagli strumenti agricoli grandi e piccoli, ai serramenti, ai suppellettili, agli elettrodomestici. Parte di questo materiale, principalmente attrezzi da lavoro agricolo, finito sotto sequestro, è ancora custodito dai Carabinieri che stanno cercando di ricostruire la provenienza e di rintracciare gli aventi diritto.

Il percorso investigativo

Le indagini svolte dai Carabinieri di Alba hanno portato quindi ad ulteriori contestazioni in capo ai due fratelli arrestati, motivo per il quale la Procura della Repubblica di Asti, che ha coordinato le attività, ha richiesto ed ottenuto per loro dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Asti l’emissione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare in regime di arresti domiciliari. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito dai Carabinieri che hanno ricondotto i due giovani alla loro residenza dove rimarranno in attesa delle fasi successive del processo. 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...