fbpx
CAMBIA LINGUA

Violenza sessuale e maltrattamenti, arrestato un 43enne di Nettuno e misure cautelari per 2 uomini per maltrattamenti in famiglia.

Codice rosso e maltrattamenti in famiglia. La Polizia di Stato ha arrestato per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale un 43enne di Nettuno. Gli stessi agenti del Commissariato Anzio/Nettuno, al termine di 2 distinte indagini coordinate dalla Procura di Velletri, hanno eseguito altrettante misure cautelari nei confronti di 2 uomini indagati di maltrattamenti in famiglia.

Violenza sessuale e maltrattamenti, arrestato un 43enne di Nettuno e misure cautelari per 2 uomini per maltrattamenti in famiglia.

Roma, l’attenzione della Polizia di Stato posta a tutela delle fasce deboli, soprattutto delle persone vittime di violenza, ha portato, nel solo territorio del commissariato di Anzio/Nettuno, all’arresto di un uomo accusato di violenza sessuale nei confronti dell’ex moglie e all’applicazione di 2 distinte misure cautelari nei confronti di altrettanti soggetti indagati per maltrattamenti nei confronti dei genitori.
L’arresto in flagranza è avvenuto nel centro di Nettuno: la pattuglia del vicino commissariato è intervenuta per la segnalazione di una ragazza che chiedeva aiuto dalla finestra. I poliziotti hanno trovato sulle scale la giovane con un evidente ematoma al viso, mentre l’ex marito, con cui momentaneamente divideva l’appartamento, era chiuso in bagno. La ragazza ha raccontato di essere stata oggetto di una violenza sessuale da parte dell’ex coniuge che, vista la resistenza opposta, l’avrebbe anche colpita più volte.

Acquisiti tutti gli elementi, compresi i certificati medici e la denuncia della vittima, gli agenti hanno proceduto ad arrestare l’uomo, un 43enne italiano, perché gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. La Procura di Velletri ha chiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale Veliterno la convalida dell’operato della Polizia Giudiziaria e l’applicazione della custodia cautelare in carcere.

È stato lo stesso Tribunale di Velletri ad emettere 2 distinte ordinanze nei confronti di altrettanti uomini iscritti nel registro degli indagati per maltrattamenti in famiglia.
Nel primo caso, in cui l’indagato è un 46enne di Anzio, accusato di aver minacciato e maltrattato la mamma per avere dei soldi, è stato disposto l’allontanamento dalla casa familiare con il divieto di avvicinarsi e di contattare in qualsiasi modo la vittima. Nell’ordinanza del GIP sono citati, oltre alle continue minacce e vessazioni, anche una serie di danneggiamenti ai mobili dell’abitazione dove convivevano ed un episodio in cui il 46enne avrebbe percosso l’anziana madre colpendola alle gambe.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Per l’altro indagato, un 34enne anziate, anche lui indagato per maltrattamenti nei confronti dei familiari, sempre con annesse richieste di denaro, il Tribunale, oltre a disporre il divieto di avvicinamento, ha imposto, come mezzo di prevenzione e controllo, il braccialetto elettronico. Il ragazzo, oltre a minacciare i genitori, per dar forza alle sue richieste, ha danneggiato l’auto familiare, alcune finestre di casa ed avrebbe intimidito anche i colleghi di lavoro del padre.

In entrambi i casi le indagini sono state curate dai poliziotti del commissariato Anzio/Nettuno i quali hanno anche eseguito le misure cautelari.
Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Anzio/Nettuno (Roma): la Polizia di Stato ha arrestato per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale un 43enne di Nettuno e, al termine di 2 distinte indagini, hanno eseguito altrettante misure cautelari nei confronti di 2 uomini indagati di maltrattamenti in famiglia.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×