fbpx

Vicenza, arrestato trafficante di droga ricercato da 4 anni: ora dovrà scontarne 15 di carcere

Gli agenti hanno bussato alla porta della sua camera e, dopo averlo svegliato, hanno proceduto alla sua identificazione

Vicenza, arrestato trafficante di droga ricercato da 4 anni: ora dovrà scontarne 15 di carcere.

Da 4 anni era ricercato dall’Interpol in tutto il mondo, colpito da un mandato di cattura internazionale per via di una condanna definitiva a 15 anni di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti emessa a suo carico dalla Corte d’Appello di Chisinau (Repubblica Moldova).

Alle 6.30 di questa mattina, durante i normali servizi di prevenzione generale effettuati a Vicenza, la Centrale Operativa della Questura ha ricevuto un alert dalla banca dati del Ministero dell’Interno relativa alla presenza, in un noto albergo cittadino, del 27enne con cittadinanza moldova e romena ricercato in ambito internazionale.

Così, su disposizione della Centrale Operativa, una pattuglia della Squadra “Volanti” si recava presso la struttura alberghiera interessata per verificare la segnalazione. Ottenuta la conferma della presenza dell’uomo, gli agenti hanno bussato alla porta della sua camera, e, dopo averlo svegliato, hanno proceduto alla sua identificazione.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il 27enne esibiva un passaporto romeno che confermava quanto già noto ai poliziotti. Quindi, informavano l’interessato di essere destinatario di un provvedimento di arresto internazionale emesso dalle autorità della Repubblica Moldova, con contestuale richiesta di estradizione nell’ex Repubblica Sovietica per espiare la pena definitiva a 15 anni di reclusione.

Dopo essere stato accompagnato in Questura per il fotosegnalamento, e al termine degli atti di Polizia Giudiziaria, l’uomo veniva condotto presso il carcere di Vicenza a disposizione della Corte d’Appello di Venezia.

«La cooperazione internazionale in materia giudiziaria e di Polizia rappresenta un aspetto particolarmente importante dell’attività delle forze dell’ordineha evidenziato il Questore della Provincia di Vicenza Paolo Sartori –. Per tramite dell’Interpol, i provvedimenti di cattura emessi dalle varie Autorità Giudiziarie di tutto il mondo vengono messi a disposizione di una unica Banca Dati e resi esecutivi, nel rispetto dei Trattati sottoscritti tra gli Stati, per garantire l’espiazione della pena a carico di coloro che si sono sottratti alla giustizia nel paese in cui il reato è stato commesso».

Questura Vicenza

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×