fbpx
CAMBIA LINGUA

Vairano Patenora: omicidio Pezzullo, sarebbe stata la compagna 45enne dell’uomo a commettere il delitto

Il provvedimento restrittivo costituisce l'epilogo di una complessa indagine iniziata a seguito delle gravi lesioni personali.

Vairano Patenora: omicidio Pezzullo, sarebbe stata la compagna 45enne dell’uomo a commettere il delitto.

Caserta, nella mattinata odierna, in Vairano Patenora, militari del Comando Stazione Carabinieri di Vairano Scalo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale della custodia in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di una donna ritenuta responsabile di delitto di omicidio preterintenzionale di Pezzullo Rino, di anni 44. il provvedimento restrittivo costituisce l’epilogo di una complessa indagine condotta dai Carabinieri, iniziata a seguito delle gravi lesioni personali patite nella notte tra il 12 e 13 giugno dal Pezzullo.

L’indagine prendeva in considerazione tutte le possibili ipotesi ma, sin dall’inizio, si focalizzava sulla compagna del predetto, una donna di origine napoletana di anni 45, che si trovava presso l’abitazione della persona offesa e che richiedeva l’intervento sul posto di sanitari del 118, asserendo che il compagno aveva accusato un improvviso malore, non meglio saputo spiegare. Da qui, gli investigatori provvedevano a sottoporre in sequestro l’immobile teatro dei fatti, l’autovettura in uso alla persona offesa ed a raccogliere dichiarazioni testimoniali da tutte le persone che direttamente o de relato, potevano fornire elementi utili all’esatta ricostruzione dei fatti. Venivano effettuati diversi sopralluoghi nel territorio di Vairano Patenora dove si procedeva ad acquisire immagini riprese dal sistema di video sorveglianza comunale e da sistemi in uso ad abitazioni private, insieme agli altri accertamenti.

Venivano anche effettuati accertamenti tecnici sulle utenze telefoniche in uso all’indagata ed ai suoi familiari nonché tracciamenti telematici e di sistemi gps. L’attività investigativa veniva indirizzata nei confronti della donna, in quanto la mattina del 14.6.2023, venuta a conoscenza dei fatti accaduti, si recava presso l’abitazione della predetta che presentava un’evidente ecchimosi alla bocca, circostanza che faceva ritenere che il malore occorso al Pezzullo potesse essere la conseguenza di un evento lesivo causato da terzi ovvero frutto di una colluttazione.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Attraverso la certosina ricostruzione dei fatti avvenuta mediante l’incrocio e la comparazione di tutti gli elementi acquisiti, era possibile ricostruire che la sera del 12.6.2023, il Pezzullo e la compagna, avevano avuto un animato litigio tra di loro, che era iniziato per le vie cittadine di Varano Patenora dove si aggiravano con l’autovettura dell’uomo e che era poi continuato all’interno dell’abitazione della persona offesa, dove si era verificata un’aggressione fisica che aveva causato gravi lesioni personali alla persona offesa, tali da causarne il decesso.

Tutte il compendio investigativo, è stato valutato anche in correlazione con le risultanze della relazione tecnica medico-legale redatta del consulente tecnico di questa Procura che, oltre ad evidenziare la presenza su tutto il corpo della vittima di numerose ecchimosi, ha ricondotto la causa del decesso ad una grave lesività cranica con emorragia subdurale omolaterale, determinata, verosimilmente, in assenza di fratture o di altre lesioni al cranio compatibili con una caduta accidentale, da un violento colpo al volto.

La destinataria del provvedimento cautelare è da ritenersi innocente fino alla sentenza definitiva; la misura è stata adottata senza il contraddittorio con la parte e la difesa, e il contraddittorio avverrà innanzi al Giudice terzo che potrà valutare anche l’assenza di ogni forma di responsabilità in capo all’indagata.

carabinieri

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×