Trieste, spedizione punitiva per rubare un giubbotto

In manette un 38enne

Trieste, spedizione punitiva per rubare un giubbotto.

I primi rigori dell’autunno lo costringono a cercare ripari di fortuna, ma le nottate sono lunghe da trascorrere al freddo. Così quando conosce un suo connazionale di passaggio, adocchia il suo vistoso giubbotto in pelle.

Si mette sulle sue tracce e insieme ad un suo amico decide di assalirlo non appena rimane isolato. A colpi di bastone e di pugni lo “convincono” a cedere il giubbotto, uno smartphone e 50 euro in contanti.

Al complice vanno il cellulare ed i soldi per il disturbo. Lui finalmente è al caldo con il nuovo giubbotto pesante. Ma è proprio quel giubbotto ad incastrarlo e a fargli prendere una denuncia. Passa il tempo ed arriva pure la condanna, ma ormai l’uomo ha scelto un altro posto in cui stabilirsi.

Almeno fino al controllo dei militari del Nucleo Radiomobile di Aurisina, impegnati con la pattuglia dei Carabinieri nei controlli di retrovalico, che lo intercettano mentre cerca di uscire indisturbato dall’Italia. 

L’uomo, un 38enne, è ricercato per un mandato di cattura, dovendo scontare 3 anni e 11 mesi di reclusione per rapina e lesioni personali commessi a Brescia nel 2007. 

Dopo le formalità di rito relative all’arresto dell’uomo, i Carabinieri lo conducono presso il carcere del Coroneo.

foto fernetti

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...