fbpx
CAMBIA LINGUA

Tormentava una giovane di cui si era invaghito: il Questore di Frosinone dispone un ammonimento per un 59enne

Accecato dalla gelosia, non si era trattenuto dal fare delle vere e proprie scenate agli amici della ragazza e ai clienti dell’attività commerciale presso la quale la vittima è impiegata

Tormentava una giovane di cui si era invaghito: il Questore di Frosinone dispone un ammonimento per un 59enne.

Il Questore di Frosinone, Domenico Condello, ha disposto la misura dell’ammonimento nei confronti di un uomo di Atina che per mesi “ha messo in atto una condotta persecutoria” – si legge nell’ordinanza – nei confronti di una ragazza di 28 anni.

La giovane aveva iniziato a soffrire le morbose attenzioni dell’uomo, col quale però non aveva mai avuto alcun tipo di rapporto. In particolare, lo stesso “aveva preso ad appostarsi nei pressi dell’abitazione della donna, o vicino al posto di lavoro” e aveva iniziato a chiedere a terze persone informazioni sulla sua vittima e sulle sue abitudini.

Non solo, accecato dalla gelosia, non si era trattenuto dal fare delle vere e proprie scenate agli amici della ragazza e ai clienti dell’attività commerciale presso la quale la vittima è impiegata.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

La donna, “a causa delle reiterate ingerenze nella sua vita privata da parte dell’uomo, nonostante non avesse mai in alcun modo incoraggiato lo stesso circa la possibilità di intrecciare con lui una relazione sentimentale”, stanca e spaventata da questi atteggiamenti e temendo per la sua incolumità, si è rivolta alla Polizia di Stato per richiedere l’emissione del provvedimento di ammonimento nei confronti del 59enne.

Dopo l’istruttoria operata dal personale della Polizia Anticrimine, il provvedimento è stato emesso e notificato al destinatario, con l’intimazione a “tenere una condotta conforme alla legge e a cessare ogni azione persecutoria nei confronti della 28enne”.

L’uomo è stato anche informato circa la possibilità di rivolgersi al centro istituito presso l’Asl di Frosinone, per essere avviato ad un percorso riservato agli autori di condotte persecutorie, come previsto dal protocollo “Zeus”, siglato dalla Questura di Frosinone e dalla Asl nel mese di luglio e destinato ai cosiddetti “maltrattanti”.

frosinone

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×