fbpx
CAMBIA LINGUA

“Spaccata” in un negozio a Vicenza: individuati e denunciati gli autori

Gli Equipaggi della Polizia di Stato, accorsi immediatamente, hanno appurato il danneggiamento ed il probabile furto in danno di una attività commerciale.

“Spaccata” in un negozio a Vicenza: individuati e denunciati gli autori.

Vicenza. E’ successo questa notte, in Via Mameli, intorno all’una.

Le Volanti della Questura sono state inviate in Via Mameli dove era stato segnalato il danneggiamento della porta d’ingresso di un negozio di abbigliamento ed un tentativo di intrusione. Gli Equipaggi della Polizia di Stato, accorsi immediatamente, hanno effettivamente appurato il danneggiamento ed il probabile furto in danno di una attività commerciale.

Qui, dopo aver contattato il titolare, hanno raccolto le prime tracce per poi effettuare una ricerca in zona. Più tardi, dopo circa 40 minuti dalla segnalazione, gli Agenti della Polizia di Stato hanno rintracciato due soggetti corrispondenti alle descrizioni raccolte grazie al sistema di videosorveglianza installato all’esterno ed all’interno del negozio.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

I due, che hanno agito a “piedi nudi“, dopo aver preso a calci la porta d’ingresso del negozio, si sono introdotti ed hanno asportato alcuni capi d’abbigliamento per poi dirigersi verso il registratore di cassa ed impossessarsi del contante.

Hanno agito con il volto travisato da un passamontagna e da una maglietta; gli abiti che indossavano durante il furto, però, sono stati annotati dagli Agenti e per questo li hanno subito fermati mentre si trovavano all’interno di un locale, intenti a consumare un panino.

Pur senza rinvenire la refurtiva, i due soggetti (A.D., classe 99 e H.B., classe 01, entrambi di nazionalità bosniaca e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio) sono stati condotti in Questura e denunciati, in concorso, per furto aggravato.

Nella loro disponibilità, infatti, sono stati rinvenuti gli indumenti (un passamontagna ed una t-shirt bianca) utilizzati per travisare il volto ed agire senza essere riconosciuti. Il titolare del negozio, già contattato dalla sala operativa della Questura, quantificherà l’ammontare dei danni ed il valore della refurtiva.

polizia

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×