Sondrio, Polizia di Stato: attività sul territorio della provincia

Sondrio, Prosegue l’attività del controllo del territorio a cura della Polizia di Stato volta al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e violenza sulle donne.

Nel corso di tali servizi, nella giornata del 22 novembre u.s., gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Sondrio, in località Castione Andevenno (SO) sulla SS. 38 dello Stelvio, hanno fermato e sottoposto a controllo un’autovettura Volkswagen Golf, condotta da R. M. di anni 35, residente in provincia.

All’atto del controllo, gli operatori di polizia, notavano un certo nervosismo nella persona e prontamente chiedevano se avesse qualcosa da nascondere; a tale richiesta R. M. estraeva dalla tasca dei pantaloni un contenitore in plastica, di colore giallo, contenente due pezzi di sostanza solida di colore marrone, che da successive analisi risultava essere sostanza stupefacente del tipo “eroina”, del peso complessivo di grammi 2.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Pertanto, R. M. veniva segnalato alla locale Prefettura, quale assuntore, e la sostanza stupefacente sottoposta a sequestrato.

Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile, a conclusione di indagini a seguito di denuncia sporta, deferiva alla locale Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, S. P. di anni 46, residente a Colico (LC), sedicente venditore di auto, in merito all’acquisto mai perfezionato di un’autovettura Range Rover Sport, per il quale era stato pattuito con il denunciante un prezzo di € 25.000,00. Nella circostanza, in data 23.01.2019, la parte offesa versava detta cifra, sulle coordinate bancarie fornitegli da S.P., scoprendo solo successivamente di essere stato truffato.

Sempre nella giornata di ieri, personale della seconda Sezione della Squadra Mobile della Questura di Sondrio, ha deferito alla locale Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, L. A. di anni 25, residente in provincia, per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni gravissime, minacce e atti persecutori, a seguito di denuncia sporta presso questi uffici dall’ex-compagna.

In particolare la donna asseriva che, durante la relazione sentimentale durata da febbraio 2019 a marzo 2020, L. A., per futili motivi, in due distinte occasioni, l’aveva aggrediva fisicamente.

Inoltre, nonostante la loro relazione fosse finita, l’uomo ha continuato a porre in essere nei suoi confronti atteggiamenti persecutori concretizzatosi in molestie, minacce e ingiurie, procurandole un perdurante stato di ansia e di paura.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...