Piacenza, Polizia aiuta i profughi ucraini sordomuti in A21

Dopo un lunghissimo viaggio, a bordo di un pullman, i rifugiati ucraini trovano sostegno nella Polizia di Stato

Piacenza, Polizia aiuta i profughi ucraini sordomuti in A21.

Si sono incrociate in un’area di servizio le strade di Manuel e Michele, giovani Agenti della Polizia di Stato, e di Vasyl, Dariia, Marika, Ludmila, Galina, Serghei e Vasyl, profughi in fuga dall’Ucraina.

Un viaggio lunghissimo attraverso l’Europa a bordo di un pullman rumeno. Hanno portato tutto ciò che le bombe avevano risparmiato, anche tre gattini.

Vengono da Kiev e da Charkiev e mostrano ai poliziotti le immagini delle loro case distrutte.

L’Italia è la loro meta perché qui, in città diverse, hanno dei parenti o dei conoscenti. Questi li possono ospitare ma contattarli è difficile perché quattro di loro sono sordomuti.

Piacenza, Polizia aiuta i profughi ucraini sordomuti in A21

I poliziotti, dopo aver offerto loro la colazione, si adoperano per contattare una associazione di Piacenza che si occuperà di aiutarli fino alla loro destinazione.

I saluti alla fine sono nella lingua dei segni, perché l’amicizia non ha bisogno di parole. L’amicizia è una cosa seria.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...