Pesaro, identificati tre minorenni responsabili di aver preparato dell’acido muriatico in due bottiglie emulando un video da Internet

I giovani hanno inoltre posizionato le bottiglie su un muretto della scuola senza tener conto dell'uscita degli alunni, potendo causare così gravi problemi

Pesaro, identificati tre minorenni responsabili di aver preparato dell’acido muriatico in due bottiglie emulando un video da Internet.

Le indagini, coordinate dalla Procura per i Minorenni di Ancona, svolte dal personale della Polizia di Stato in servizio presso la DIGOS di Pesaro, in collaborazione con quello della Squadra Mobile e della Direzione Centrale Polizia di Prevenzione a seguito della deflagrazione di due bottiglie contenenti acido muriatico, verificatosi il decorso 21 marzo nei pressi della Scuola Primaria Chiara Lubich di Pesaro, hanno consentito di addivenire all’identificazione di tre minorenni, ritenuti essere gli autori del gesto.
Secondo quanto emerso l’intenzione dei tre giovanissimi era unicamente quella di emulare un video visto sulla rete internet, nel quale veniva descritta la preparazione e la conseguente reazione chimica, attivatasi in una bottiglia nella quale era stato introdotto acido e altro materiale. Si è appurato, inoltre, che i predetti hanno posizionato le due bottiglie sul muretto esterno della scuola in maniera del tutto casuale, senza assolutamente considerare la successiva uscita degli alunni e il pericolo che avrebbe potuto derivarne.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...