fbpx
CAMBIA LINGUA

Milano, rubavano vestiti nei negozi di corso Buenos Aires nascondendoli sotto il cappotto: in manette 3 tre cittadini sudamericani

Una volta usciti e ricongiuntisi con il complice che faceva da palo, sono stati fermati e controllati dagli agenti

Milano, rubavano vestiti nei negozi di corso Buenos Aires nascondendoli sotto il cappotto: in manette 3 tre cittadini sudamericani.

La Polizia di Stato di Milano, nei giorni scorsi, ha arrestato tre cittadini sudamericani sprovvisti di documenti e irregolari sul territorio nazionale, una cubana di 20 anni con un cubano di 43, entrambi con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, e un peruviano 52enne, per furto aggravato in concorso.

Gli agenti della Squadra Mobile milanese, mentre erano in servizio per il contrasto ai reati predatori, verso le 19 di martedì 2 gennaio, hanno notato il 52enne peruviano che, guardando con attenzione cosa stesse avvenendo all’interno, sostava davanti ad un negozio di abbigliamento sportivo in corso Buenos Aires, angolo via Petrella. Pochi istanti dopo è uscita la coppia di cittadini cubani con cui si è ricongiunto alcune decine di metri più avanti: il cubano uscito dal negozio ha estratto da sotto il cappotto alcuni capi di vestiario per metterli nello zaino del peruviano.

Milano, rubavano vestiti nei negozi di corso Buenos Aires nascondendoli sotto il cappotto in manette 3 tre cittadini sudamericani

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Percorsi alcuni metri, i tre hanno hanno tenuto lo stesso comportamento nei pressi di un negozio di una catena italiana di grandi magazzini: il peruviano è rimasto all’esterno mentre la donna cubana, i cui movimenti erano seguiti dall’esterno della vetrina dai poliziotti, copriva il complice che nascondeva, all’interno del cappotto, alcuni prodotti esposti.

Una volta usciti e ricongiuntisi con il complice che faceva da palo, sono stati fermati e controllati dagli agenti della Sesta Sezione della Squadra Mobile: il cubano aveva con sé la merce appena rubata, dal valore di 120 euro, e una borsa artificialmente schermata con pellicola d’alluminio e scotch. Il peruviano, invece, aveva nello zaino sei capi di abbigliamento sportivo rubati dai complici in precedenza e un giubbino femminile rubato in un altro negozio di abbigliamento in piazza Lima, oltre a quattro confezioni nuove di profumo per le quali i tre arrestati non hanno saputo fornire indicazioni precise circa il negozio vittima di furto.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×