Milano-Malpensa, arrestato un pluripregiudicato ricercato in campo internazionale

Il ricercato in arrivo dallo scalo aereo di New York, è stato individuato e assicurato alla giustizia dalla Polizia di Frontiera di Malpensa

Milano-Malpensa, arrestato a Malpensa un pluripregiudicato ricercato in campo internazionale.

La costante e capillare attività della Polizia di Frontiera volta a garantire la regolarità dell’attraversamento delle frontiere, anche in queste giornate prefestive caratterizzate da una consistente ripresa del traffico passeggeri ha portato, nella giornata odierna, ad individuare ed assicurare alla giustizia una persona ricercata in campo internazionale.

Il passeggero, in arrivo dallo scalo aereo di New York (USA), a bordo di un volo atterrato in data 16 aprile, aveva esibito al personale in servizio al controllo passaporti un passaporto irlandese che destava alcuni sospetti, in ragione di alcuni dettagli della fotografia del titolare riportata sul documento, non sfuggiti all’occhio allenato dei poliziotti di frontiera.

Tali sospetti, rafforzati anche dai dispositivi in uso alla Polizia di Frontiera per il controllo automatizzato dei passeggeri (eGates), venivano confermati dall’esame visivo operato, con l’ausilio di dotazioni tecnologiche ad hoc, da personale specializzato in servizio presso la Sezione di Falso Documentale della Polaria Malpensa.

Venivano pertanto avviate più approfondite analisi, cosiddette di seconda linea al fine di stabilire con certezza l’identità dello straniero, in quanto dai primi riscontri effettuati con il nominativo riportato sul documento non emergeva alcun riscontro obiettivo nelle banche dati in uso alla Polizia.

Gli accertamenti condotti successivamente con l’analisi incrociata dei data base e con la comparazione delle impronte del passeggero, sottoposto agli accertamenti foto dattiloscopici estesi in ambito europeo, consentivano di identificare indiscutibilmente l’uomo come S. P., trentaquattrenne cittadino rumeno pluripregiudicato, ricercato in ben due Stati europei e destinatario di diversi provvedimenti di cattura ai fini estradizionali per vari reati, fra cui furti e rapine, emessi rispettivamente dalla Romania e dall’Austria.

Alla luce di quanto emerso, effettuati i dovuti riscontri attraverso i canali di cooperazione di polizia europea della Direzione Centrale della Polizia Criminale Servizio SI.RE.NE, l’uomo è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Busto Arsizio, a disposizione della Corte d’Appello di Milano per l’avvio delle procedure estradizionali.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...