Milano, avevano da poco rubato una bicicletta, ma un cittadino li induce a rimetterla a posto: arrestati dalla Polizia di Stato

Milano, Nella mattinata di ieri, la Polizia di Stato ha proceduto all’arresto in flagranza di due cittadini cingalesi per il reato di furto aggravato in concorso.
I fatti risalgono alle ore 10.00 circa, quando una pattuglia della Squadra Volanti, transitando in via Scalabrini, veniva fermata da un uomo fermo a bordo strada, il quale indicava agli agenti due soggetti poco distanti che camminavano a passo spedito in direzione piazza Camerlata.
Il cittadino riferiva, inoltre, di aver visto gli stessi rubare una bicicletta pochi istanti prima, dopo aver distrutto a calci il cavo antifurto che la cingeva ad un palo della segnaletica stradale.
L’alto senso civico del richiedente, lo aveva spinto a pararsi davanti ai due uomini, intimando loro di riporre al proprio posto il velocipede rubato, cosa che gli stessi facevano per poi darsela a gambe levate.
A questo punto gli agenti si sono diretti verso i due uomini segnalati, procedendo ad accompagnarli in Questura, insieme al bene oggetto di furto e dagli accertamenti esperiti è emerso che i due soggetti, W.A.G.F. classe 1999 e W.N. classe 1996 cittadini dello Sri Lanka regolari sul territorio nazionale, non fossero affatto nuovi ad episodi del genere.
In particolare, uno dei due vantava a suo carino precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, prevalentemente ai danni di supermercati comaschi e milanesi, oltre alle misure di prevenzione del Foglio di via obbligatorio e dell’avviso orale emessi dal Questore della provincia di Milano.
Alla luce dell’evidenza dei fatti e della pericolosità sociale dei due soggetti, il P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Como, ne ha convalidato l’arresto, fissando l’udienza dibattimentale per il prossimo 23 febbraio. Entrambi sono stati rilasciati con obbligo di presentazione alla P.G. nei soli confronti di W.A.G.F.
Inoltre ad uno dei due, richiedente asilo, nelle more della definizione della propria istanza di protezione internazionale, è stato intanto notificato il provvedimento di revoca delle misure di accoglienza.
Al momento sono in corso accertamenti per risalire al proprietario della bicicletta, una Mountain Bike di marca Alpina, modello “Spider”, il quale, esibendo idonea documentazione che ne provi l’acquisto, può inviare una mail all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Questura, [email protected], e, una volta avvenuto il riconoscimento, previa autorizzazione dell’A.G., concordare la restituzione del bene rubato.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...