fbpx

Maltrattamenti in famiglia, estorsione e sequestro di persona: arrestato un 33enne in provincia di Siracusa

La minaccia di uccidersi o farsi del male se fosse stato lasciato

Maltrattamenti in famiglia, estorsione e sequestro di persona: arrestato un 33enne in provincia di Siracusa.

Un 33enne, già agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, è ritenuto responsabile di maltrattamenti nei confronti della convivente. Scatti d’ira, violenze fisiche e la minaccia di uccidersi o farsi del male se fosse stato lasciato.

I Carabinieri della Stazione di Carlentini (SR) lo hanno arrestato nelle scorse ore. In un’occasione, l’uomo avrebbe colpito la compagna con diversi pugni, e dopo averla privata del cellulare e del bancomat, l’avrebbe chiusa in una stanza non consentendole di mangiare e di bere.

La donna, cui era concesso di andare in bagno solo con il consenso del compagno, dopo un’intera giornata, è riuscita a liberarsi e a fuggire.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Maltrattamenti, inoltre, anche nei confronti della madre, che oltre a essere stata picchiata e offesa, è stata ferita dall’uomo con un posacenere. La violenza si è accentuata al rifiuto della donna di consegnargli somme di denaro.

Dopo le formalità di rito, il 33enne è stato tradotto presso il carcere di Cavadonna, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Carabinieri Lentini repertorio

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×