fbpx
CAMBIA LINGUA

Inquinamento acustico, aggiornato il piano d’azione di Verona: osservazioni e pareri entro il 4 aprile

Tra le azioni previste, spiccano misure concrete finalizzate alla riduzione del rumore nelle aree più esposte e alla salvaguardia delle preziose "zone silenziose”

Inquinamento acustico, aggiornato il piano d’azione di Verona: osservazioni e pareri entro il 4 aprile.

Sono molteplici le iniziative intraprese dal Comune di Verona per garantire ai cittadini e alle cittadine una migliore qualità di vita. Una di queste riguarda l’aggiornamento del Piano d’Azione dell’agglomerato di Verona per la gestione dell’inquinamento acustico, per intraprendere una serie di interventi che puntano alla riduzione degli effetti nocivi dell’esposizione al rumore ambientale della popolazione. Un obiettivo da raggiungere grazie anche all’attiva partecipazione e informazione dei cittadini.

Tra le azioni previste, spiccano misure concrete finalizzate alla riduzione del rumore nelle aree più esposte e alla salvaguardia delle preziose “zone silenziose”, un patrimonio da tutelare con impegno e responsabilità. Ed è proprio attraverso un coinvolgimento diffuso e una consapevolezza condivisa di cittadini e cittadine che sarà possibile fare un ulteriore passo verso la riduzione dell’inquinamento sonoro e la tutela della salute.

Per dare il proprio contributo al Piano di Azione e alla sua sintesi non tecnica, si potrà consultare il portale del Comune di Verona al link https://www.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=91037 ed esprimere le proprie osservazioni e suggerimenti entro le ore 12 del 4 aprile 2024.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il percorso di aggiornamento, deliberato dalla Giunta Comunale il 20 febbraio scorso in conformità al D.Lgs. 194/2005 e alla Direttiva Europea 2002/49/CE, è stato tracciato con scrupolosa attenzione basandosi sui dati ricavati dalla Mappa Acustica Strategica approvata nel 2022. Un’analisi approfondita che ha posto la lente su quali sono le zone critiche, delineando chiaramente le priorità di intervento.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×