Escort in Lombardia: clienti convocati in questura

Un annuncio intrigante trovato su un sito, una ragazza forse troppo bella per essere vera, poi la brutta sorpresa. La prestazione sessuale stabilita era di 150 euro, ma del tutto falsa: una volta aperta la porta, infatti, l’uomo è caduto vittima di 4 persone che lo hanno rapinato di circa 600 euro minacciandolo con un coltello.

La vittima ha denunciato subito la cosa alle forze dell’ordine di Bergamo, portando all’arresto della banda. Una brutta avventura, che poteva essere evitata, per esempio, verificando prima le informazioni sul numero di telefono dell’annuncio, ad esempio attraverso le recensioni sui siti che spopolano nel settore.

Disavventure analoghe hanno portato altri clienti delle escort in questura. Le autorità stanno effettuando infatti più controlli intorno alle attività che sfruttano la prostituzione, soprattutto quelle pubblicizzate su siti di annunci privi di controllo sulle registrazioni.

Si sono trovati in una situazione spiacevole i clienti dei finti centri massaggi, che la Guardia di Finanza di Seveso ha posto sotto sequestro in provincia di Monza e Brianza. Due donne sono state arrestate per sfruttamento della prostituzione e riciclaggio.

Convocati in questura però anche i clienti che hanno avuto la sfortuna di trovarsi lì al momento dei blitz, a causa dell’atteggiamento incauto dell’aver scelto su internet un numero senza avere verificato le informazioni. Hanno ricevuto una convocazione in questura come persone informate dei fatti, tra loro anche imprenditori e professionisti noti nel panorama lombardo.

Oltre ai clienti colti in flagrante, sono stati chiamati in questura altri uomini che hanno dovuto confermare agli agenti di aver avuto rapporti sessuali a pagamento con le ragazze, dopo essere entrati in contatto con le due donne che gestivano i centri attraverso un sito d’incontri. La situazione si fa ancora più imbarazzante nel momento in cui davanti a familiari e datori di lavoro si riceva la convocazione in questura. Nel 2023, esistono ormai degli strumenti con cui è possibile verificare un annuncio pubblicato da una escort su qualsiasi sito di incontri.

Anche in questo caso tutto nasce dall’essersi presentati ad un appuntamento con uno sconosciuto, identificato solo come numero preso da una bacheca di incontri. In un sondaggio del 2020, il 90% degli italiani ha dichiarato di non comprare prodotti online senza leggere recensioni (fonte: Capterra).

Come le recensioni possono aiutare nella scelta di ristoranti ed hotel ed evitare problemi, così anche nel settore del sesso a pagamento si è sviluppato lo stesso meccanismo, che vanta anche siti leader del settore con più di 5 milioni di utenti mensili in alcuni casi, come il primo sito di recensioni di escort in Europa. Questo perché le recensioni rendono anche molto più difficile il lavoro dei truffatori e delle organizzazioni criminali e tutelano clienti ed escort che lavorano in maniera professionale.

Questura di Bergamo
Fonte foto: questura di Bergamo

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...