fbpx
CAMBIA LINGUA

E’ morto Toto Cotugno, simbolo d’italianità nel Mondo.

È stato uno dei più noti cantautori italiani anche a livello internazionale, aveva 80 anni

E’ morto Toto Cotugno, simbolo d’italianità nel Mondo.

È morto “l’Itaiano vero”. Aveva compiuto 80 anni lo scorso 7 luglio, si è spento questo pomeriggio all’ospedale San Raffaele di Milano dove era ricoverato. A dare la notizia, il suo manager Danilo Mancuso all’Ansa: “Dopo una lunga malattia, il cantante si era aggravato negli ultimi mesi”.

All’anagrafe col nome Salvatore, Cotugno dopo aver studiato musica da bambino, inizia a suonare in diversi gruppi, principalmente come batterista. Il primo furono gli Albatros, con cui nel 1976 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone Volo AZ504”, che si classifica al terzo posto. Quello stesso anno fa anche il suo esordio come solista, con il 45 giri “Come ieri, come oggi, come sempre/Ragazza madre”, e l’anno successivo scrive per Adriano Celentano la canzone “Soli” ottenendo un ottimo successo di pubblico. Il suo disco d’esordio, “Voglio l’anima”, uscì nel 1979.

Veterano del Festival di Sanremo, a cui ha partecipato ben 15 volte, il cantautore lo ha vinto solo una volta nel 1980 con ‘Solo noi’, mentre il brano che lo ha reso celebre in tutto il mondo, è ‘L’italiano’. L’ultima partecipazione al Festival risale al 2010, dopo un periodo difficile per motivi di salute, con Belen Rodriguez, con la quale canta ‘Aeroplani’, anche se memorabile resta la sua performance del 2013 quando, invitato da Fabio Fazio, esegue ‘L’Italiano’ con il coro dell’Armata rossa.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

l cantautore toscano può vantare una vittoria all’Eurovision Song Contest nel 1990 con ‘Insieme: 1992’, dopo Gigliola Cinquetti nel 1964 e prima dei Måneskin nel 2021. Nel 2021 fu felice di passare il testimone alla rockband e dichiarò: “sogno bambini russi e ucraini insieme”.

Toto Cotugno è stato un uomo di spettacolo a 360 gradi, ha scritto canzoni per Mireille Mathieu, Dalida, Johnny Hallyday, Michel Sardou, Claude Francois, Herve’ Vilard. In Italia compone per Domenico Modugno, Gigliola Cinquetti, Ornella Vanoni. Oltre alla musica si dedica, con abile disinvoltura, anche alla conduzione televisiva, ne ricordiamo la fortunata edizione di ‘Domenica In’ nel 1987.

Toto Cotugno rappresenterà per sempre un intramontabile simbolo dell’Italia e soprattutto dell’italianità, e di lui resteranno canzoni che faranno il giro del mondo senza mai distaccarsi dalle loro radici.

E' morto Toto Cotugno, simbolo d'italianità nel Mondo.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×