fbpx

Donna trovata morta in un baule nel Casertano: indagata la figlia. «Non avevo i soldi per il funerale»

I carabinieri hanno accertato che la figlia ha percepito nel frattempo due mensilità di pensione

Donna trovata morta in un baule nel Casertano: indagata la figlia. «Non avevo i soldi per il funerale».

Si attendono i risultati dell’autopsia sul caso della donna di 77 anni trovata morta in un baule a Mondragone (Caserta), nel degradato complesso residenziale dei palazzi ex Cirio.

Le indagini della Procura di Santa Maria Capua Vetere e dei Carabinieri si muoveranno a partire dalle evidenze scientifiche sul corpo della donna. L’esame autoptico dovrà stabilire se la 77enne è morta davvero per un incidente domestico o se, invece, sia stata uccisa.

Il fascicolo di reato aperto dalla Procura è per occultamento di cadavere. A finire sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti è la figlia di 40 anni che viveva con la vittima. La donna, disoccupata, ha raccontato ai Carabinieri che la madre aveva avuto, oltre un mese fa, un incidente domestico (era caduta battendo la testa) e che, per questo, era deceduta, ma lei non aveva i soldi per il funerale e aveva così chiuso il corpo in un baule.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

I militari dell’Arma del Reparto Territoriale di Mondragone hanno accertato che la 40enne ha percepito nel frattempo due mensilità di pensione.

A trovare il cadavere della anziana, in avanzato stato di decomposizione, è stata l’altro un’altra figlia della vittima, che vive e lavora in Abruzzo, tornata a Mondragone perché preoccupata: da settimane, infatti, non riusciva a mettersi in contatto con la madre, malgrado ci provasse in ogni modo. Poi, dopo essersi recata di persona a casa della madre e aver fatto la macabra scoperta, ha subito chiamato i carabinieri.

caserta

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×